Ordine degli avvocati: «Non offrite consulenze legali per far causa al personale sanitario»

Il Consiglio dell’Ordine avverte che sui social c'è chi offre consulenze per risarcimento danni alle strutture sanitarie. Si provvederà a vigilare ed a segnalare immediatamente al Consiglio Distrettuale di Disciplina eventuali forme di comunicazione non corrette

«Sono state poste all'attenzione di questo Consiglio dell'Ordine degli Avvocati forme di promozione professionale realizzate su social network, ma anche sulla carta stampata, volte ad offrire servizi legali per l'ottenimento del risarcimento del danno nei confronti delle strutture sanitarie e degli esercenti la professione sanitaria, ovvero una prima consulenza gratuita in relazione all'applicazione dei decreti che in questi giorni si stanno susseguendo. Tali promozioni pubblicitarie ledono la dignità, l'onore, il decoro e l'integrità di una professione che ha un altissimo ruolo sociale e Costituzionale».

E’ perentorio il richiamo a firma del Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Ancona messo nero su bianco con lettera indirizzata agli iscritti e voluta dal Consiglio dell’Ordine. «Ricordiamo ai nostri iscritti – insiste l’Avv. Miranda - che tali attività rientrano nelle ipotesi di accaparramento della clientela censurate dagli art 32 e 35 della Legge Professionale Forense e ledono la dignità della nostra professione».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La presa di posizione è dunque chiara. «L'Ordine degli Avvocati di Ancona -si legge nella lettera - si dissocia da queste operazioni di sciacallaggio mediatico, soprattutto in un momento in cui tutti gli esercenti la professione sanitaria hanno dato ampia dimostrazione di coraggio, professionalità ed umanità nei confronti degli Italiani ed operano in condizioni estreme, anche a rischio di essere contagiati o di contagiare i propri familiari». L’appello del Consiglio dell’Ordine è di «evitare di porre in essere iniziative di questo tipo in spregio all’elementare regola deontologica e a rimuovere questo tipo di comunicazione dai propri profili social» e che «l’Ordine provvederà a vigilare ed a segnalare immediatamente al Consiglio Distrettuale di Disciplina eventuali forme di comunicazione non corrette, che si profilano come forme di sciacallaggio mediatico». «A nome dell’'Ordine degli Avvocati di Ancona – conclude Miranda - esprimo la vicinanza e solidarietà a tutti i medici, infermieri e gli esercenti la professione sanitaria che in questo momento storico così difficili stanno dando alta prova di professionalità e umanità; una lezione che deve essere di insegnamento per tutte le categorie professionali».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Chiusura piazza del Papa, la Mancinelli avverte: ora palla agli anconetani

  • Terapie intensive, Marche terzultime in Italia: apre il Covid Hospital con medici militari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento