Falconara, arriva l'ordinanza "anti kebab": chiusura alle 22 per i negozi in zona stazione

Chiusura alle 22 per i negozi e alle 24 per i bar sulla Flaminia. Due multe e scatta la chiusura. Il sindaco Brandoni: «Preferisco non avere locali che averne frequentati da sbandati»

Il sindaco Brandoni firma l'ordinanza per l'orario dei locali in zona stazione

Locali della stazione nel mirino. Con orari rigidi da rispettare. Le pene? La multa non è molto salata: appena 50 euro. Ma già dalla seconda infrazione, scatta la chiusura fino a 7 giorni. Lo ha deciso il sindaco Goffredo Brandoni che ha firmato un'ordinanza, in vigore dal 1° giugno, per limitare l'orario delle attività sulla via Flaminia (ambo i lati) comprese tra via Mameli e via Fratti. Commercianti e artigiani (rientrano in questa tipologia anche kebab, take away, piadinerie, rosticcerie, friggitorie da asporto, gastronomie, pizzerie da asporto, gelaterie e pasticcerie) dovranno chiudere la sarracinesca alle 22. Per i bar l'apertura è consentita invece dalle 5 alle 24. «Ho ricevuto spesso esercenti e residenti della zona – dice Brandoni – che mi hanno segnalato comportamenti incivili, persone ubriache che arrecano danni e disturbo rendendosi protagoniste di schiamazzi, danneggiamenti, oscenità, alterchi e aggressioni. Durante i controlli è stata riscontrata la presenza di pregiudicati. La stazione ferroviaria è il nostro monumento più bello ma essendo un grande crocevia, attira persone di tutti i tipi. Preferisco che qualcuno non sappia dove prendere un caffè anziché un genitore in apprensione perché magari la figlia torna col treno dall'università e ha paura di passare davanti a quei locali. Meglio allora essere senza locali aperti che con quel tipo di attività che, anche loro malgrado, creano assembramenti di persone sbandate»

Resta comunque in vigore l'ordinanza anti alcol che prevede il divieto di vendita di alcolici dalle 22 per gli esercizi commerciali. Per bar e ristoranti, la somministrazione (la mescita al bicchiere, tanto per interdersi) si chiude a l'1 durante la settimana ma si può arrivare alle 3 se si accompagna la consumazione con un pasto al tavolo. Maglie più larghe, sempre per i locali, il venerdì e il sabato quando il divieto scatta alle 3. Multe salate per i trasgressori, si parte da 250 euro. Allo stesso tempo il sindaco sta sollecitando Rfi a emanare quanto prima il bando per l'assegnazione del Bar della Stazione, chiuso qualche anno fa a stretto giro di posta dal Bedetti, altro bar storico della zona. «Anticipo infine che stiamo lavorando al rinnovo dell'ordinanza anti bivacco – conclude il sindaco - A suo tempo era efficace ed aveva in parte ridotto il fenomeno e potrebbe essere riproposta così com'è ma stiamo valutando come calibrare meglio il dispositivo. In tutte le città purtroppo c'è il problema di crescente insicurezza e mancanza di decoro»

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche di nuovo in zona gialla, Acquaroli: «C'è la conferma del ministro Speranza»

  • Vitamina D: perché è importante, dove trovarla e come accorgersi di una carenza

  • Dpcm 3 dicembre (Natale) e Dl spostamenti, cosa cambia nelle Marche: le modifiche

  • Sette furti, poi l'inseguimento da Polverigi ad Ancona: chi sono gli arrestati di via 25 Aprile

  • Dramma nella notte, Yasmine muore a soli 20 anni: il cordoglio da tutta la città

  • Emergenza Covid, Acquaroli preoccupato: «Rischiamo crisi economica impressionante»

Torna su
AnconaToday è in caricamento