Pietralacroce, ritrovato un ordigno bellico: area costiera off limits

Ora sarà la Prefettura a dover intervenire con gli esperti artificieri dell'esercito. Saranno loro a dover valutare se l'ordigno sia effettivamente innocuo o se si debba intervenire facendolo brillare

L'ordigno bellico ritrovato in mare sotto Pietralacroce

Stava pescando in mare quando la sua rete ha tirato su qualcosa di anomalo. Infatti quello che ha trovato un pescatore anconetano ieri pomeriggio è un ordigno bellico, forse inesploso, che ha dato l’allarme ai Vigili del Fuoco. Immediato l’intervento della sezione navale del distaccamento porto di Ancona, guidati dal comandante Fernando Pigniatiello, arrivati sul posto con due squadre per verificare la segnalazione. I pompieri si sono trovati davanti una bomba di 30 centimetri. Il dubbio che fosse da far brillare, ha portato i pompieri a stimare una valutazione del rischio prima e mettere in sicurezza l’area poi. La zona è off limits e transennata per un perimetro di 300 metri quadrati circa.

Ora sarà la Prefettura a dover intervenire con gli esperti artificieri dell’esercito. Saranno loro a dover valutare se l’ordigno sia effettivamente innocuo o se si debba intervenire facendolo brillare. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, primo caso anche nelle Marche: positivo al primo test in attesa di controprova

  • Coronavirus, Marche blindate: firmata l'ordinanza

  • Coronavirus, Ceriscioli sta per blindare le Marche. Conte telefona: «Fermi tutti»

  • I carabinieri: «Apra il cofano», lui: «C'è solo un po' di fumo». Arrestato con 5 kg di droga

  • La malattia ha spento il sorriso di Carlo Termentini, lutto nell’imprenditoria

  • Coronavirus, confermato il primo caso nelle Marche: è un 30enne

Torna su
AnconaToday è in caricamento