Cronaca

Operazione “Sardinis”, la Guardia Costiera sequestra 700kg di vongole

Intensificati i controlli lungo la filiera della pesca, dall'attività in mare allo sbarco e alla prima vendita a terra, per contrastare illeciti sulla tracciabilità e rintracciabilità del prodotto ittico

Si è conclusa ieri l’operazione di vigilanza pesca denominata “SARDINIS”, iniziata martedì sotto il coordinamento della Direzione Marittima di Ancona.
In particolare, la Guardia Costiera ha intensificato i controlli lungo la filiera della pesca, dall’attività in mare allo sbarco e alla prima vendita a terra, al fine di contrastare illeciti sulla tracciabilità e rintracciabilità del prodotto ittico (in particolare tra la fase di sbarco in porto e la vendita ai primi acquirenti a terra), pesca sottocosta, uso e detenzione di attrezzi da pesca non regolamentari.

Tra le principali violazioni accertate ci sono state violazioni degli obblighi previsti dalle norme comunitarie ed italiane in materia di registrazione e dichiarazione dei dati sulle catture e gli sbarchi, nonché degli obblighi di registrazione delle note di prima vendita da parte dei primi acquirenti del prodotto; pesca abusiva esercitata in zone vietate; utilizzo di attrezzi non consentiti; immissione in commercio di prodotto ittico non tracciato (appartenente anche a famiglia di molluschi bivalvi la cui commercializzazione è vietata in Italia).

L’attività  ha interessato l’intero territorio marchigiano ed ha portato all’elevazione di 32 sanzioni amministrative per un importo complessivo di circa 60mila euro, nonché al sequestro di circa 700 Kg di vongole per eccedenza dei quantitativi massimi consentiti.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Operazione “Sardinis”, la Guardia Costiera sequestra 700kg di vongole

AnconaToday è in caricamento