Giovedì, 24 Giugno 2021
Cronaca

Operazione Digger, truffe, spaccio e assalti alle ville: sgominata la banda

Un’indagine nata per tutt’altro motivo, quando la Polizia aveva cominciato ad investigare su una presunta truffa in cui un gruppo di persone noleggiavano escavatori per poi simularne il furto e spedirli al Sud Italia

L'arresto della Polizia

Droga, truffe e, all’occasione, anche rapine in villa. Dopo 2 anni di indagine la Squadra Mobile di Ancona, guidata dal capo Virgilio Russo e dal suo vice Carlo Pinto (in foto), ha portato a termine l’operazione Digger, sgominando una banda composta da 24 persone di cui 19 italiani, 2 albanesi, un macedone, un rumeno e due magrebini. Tutti operativi in vari ambiti criminali tra il Veneto, l’Emilia Romagna e le Marche. L’ultimo arresto giovedì mattina quando all’alba sono state eseguite 19 perquisizioni domiciliari, nelle province di Ancona, Macerata, Rimini e Padova. Arrestato G. G., 39enne di Montemarciano, trovato con 18 ovuli per 200 grammi di hashish, accusato di aver anche smerciato quanto meno 1 chilo di marijuana durante il periodo investigativo. Ieri l’uomo ha patteggiato dinanzi al giudice Francesca De Palma 1 anno e 4 mesi di reclusione. Blitz a catena della Polizia, accompagnati anche da una serie di perquisizioni mirate che hanno portato a diversi riscontri, facendocosì scattre anche 4 denunce a piede libero: C. D. 28enne albanese residente ad Ancona, scoperto con 3 grammi cocaina e accusato di detenzione ai fini di spaccio di cocaina, scoperto in casa dopo aver abbattuto la porta che il sospetto non voleva aprire, C. V.  28enne anconetano accusato di coltivazione di piante ad effetto stupefacente, in quanto trovato in possesso di due piantine di cannabis indica, V. F. 27enne di Jesi, accusato di detenzione ai fini di spaccio di hashish a cui sono stati trovati  anche 10 di hashish e un bilancino di precisione, V. A. 31enne di Jesi, accusato di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti perché trovato con 10 grammi di hashish e 5 grammi di marijuana.

Un’indagine nata per tutt’altro motivo, quando la Polizia aveva cominciato ad investigare su una presunta truffa. Secondo i sospetti, un gruppo di persone noleggiavano escavatori da varie ditte edili dell’anconetano per poi simularne i furti nei cantieri e spedirli al Sud Italia. Al di là del fatto che la Mobile dorica riuscì a restituire un mezzo scomparso del valore di 30mila euro alla ditta Edil Sistem di Jesi, emerse anche il giro che ruotava intorno a quella banda, sopratutto Russo - Pinto-3l’imponente attività di spaccio di sostanze, ma anche rapine. Come quella tentata a Camerata Picena nel novembre del 2013, quando l’anconetano A. D., secondo le accuse investigative, avrebbe messo insieme un gruppo per fare una rapina in villa. Un caso che si concluse con la condanna per tentato furto. Dunque per la giustizia non ci fu lacun tentativo di rapina, ma i poliziotti hanno sempre saputo come intorno a quel gruppo di anconetani ruotasse un giro molto più grande, a cui oggi, con l'ultimo arresto di G. G. è stato scritto il capitolo finale. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Operazione Digger, truffe, spaccio e assalti alle ville: sgominata la banda

AnconaToday è in caricamento