Sabato, 25 Settembre 2021
Cronaca Montirozzo / Via Carlo Crivelli

Delitto di via Crivelli, trovato un biglietto del 18enne: "Li uccido io"

Se le cose stanno davvero così, la posizione del giovane indagato potrebbero aggravarsi ulteriormente perché, a questo punto, il pm potrebbe imputare al 18enne anche la premeditazione del reato di omicidio volontario

«Confesso l'omicidio di Fabio Giacconi e Roberta Pierini". E' la frase scritta in un biglietto sequestrato in casa dopo il fermo di Antonio Tagliata, il fidanzatino killer di Ancona. Un gesto, come ha rivelato lo stesso giovane al pm, compiuto per proteggere il padre da "eventuali indagini, dato che ha avuto problemi con la giustizia".

Parole pesantissime scritte dal giovane, su cui interviene anche l’avvocato Luca Bartolini che spiega come il suo assistito, preoccupato che i sospetti potessero ricadere sul genitore, si sarebbe assunto preventivamente la responsabilità di ciò che, di lì a poco, avrebbe fatto. Se le cose stanno davvero così, la posizione del giovane indagato potrebbe aggravarsi ulteriormente perché, a questo punto, il pm potrebbe imputare anche la premeditazione del reato.

Senza contare che questo biglietto entra in palese contrasto con le primissime dichiarazioni rese proprio da lui quando aveva sostenuto di aver reagito ad una presunta aggressione di Fabio Giacconi. Dunque Antonio Tagliata ha premeditato l’omicidio, lasciando così quei biglietti o ha sparato solo dopo che la discussione è degenerata? Qual è la verità? Nel primo caso, avrebbe inizialmente mentito agli investigatori. Nel secondo caso, quei biglietti non potrebbe averli mai scritti il 18enne. Diventa sempre sempre più delicato dunque il compito degli inquirenti perché, oltre alle versioni discordanti dei due indagati, dovranno sciogliere anche questa matassa, che riguarda solo ed esclusivamente il maggiorenne, entrato in palese contraddizione con se stesso. 

Sempre nell'abitazione della famiglia Tagliata, Antonio avrebbe lasciato tre lettere indirizzate al padre, alla madre e ai fratelli: parole in cui il ragazzo chiede scusa per l’assassinio che sta per mettere in atto. E proprio mentre i genitori stavano interpretando quelle parole per una dichiarazione di suicidio, avvisando così le Forze dell’Ordine, a pochi chilometri da lì, rimbombavano i colpi di pistola in via Crivelli

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Delitto di via Crivelli, trovato un biglietto del 18enne: "Li uccido io"

AnconaToday è in caricamento