Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca

Delitto di Numana: interrogato l’ultimo cliente, si cerca fra pc, cellulari e social network

È stato interrogato a lungo l'ultimo cliente di Adriana Mihaela Simion, la escort rumena 26enne uccisa nella villetta di via Fermo a Marcelli di Numana. L'uomo però sarebbe totalmente estraneo ai fatti

È stato interrogato a lungo l’ultimo cliente di Adriana Mihaela Simion, la escort rumena 26enne uccisa nella villetta di via Fermo a Marcelli di Numana. L’uomo, alla cui individuazione si è giunti incrociando i dati dei telefoni con quelli provenienti dai siti web in cui erano pubblicati gli annunci della giovane, sarebbe comunque già stato considerato estraneo al delitto. A riportare la notizia è il Messaggero.
Gli esami medici collocano il decesso della giovane nel secondo pomeriggio di domenica, e sebbene l’ultimo cliente rintracciato avesse incontrato la ragazza quel giorno il minuzioso interrogatorio cui è stato sottoposto e la ricostruzione dei suoi movimenti lo scagionerebbero completamente.

Si continua dunque a cercare il responsabile di quella morte sopraggiunta dopo 30 coltellate, e per il momento – anche a causa della ferocia delle modalità – il delitto passionale rimane l’ipotesi principe. A coadiuvare i carabinieri nelle indagini anche i Ris di Roma. Molti sono ancora i punti da chiarire, come ad esempio se il corpo della vittima, trovato sotto il letto, sia stato spostato dall’omicida o se sia stata proprio la giovane a nascondersi per cercare scampo dal suo assassino.
Se l’arma del delitto non è ancora stata recuperata si stanno scandagliando a fondo le informazioni telematiche dei 7 cellulari e dei 2 computer portatili della vittima, con i quali gestiva la sua attività di prostituzione, per poter accedere ad ogni minima informazione utile a far luce sulla vicenda. Anche i social network vengono passati al setaccio, per ricostruire la rete di contatti e relazioni della giovane.

Sono stati ricostruiti, per non lasciare nulla di intentato, anche gli spostamenti del fidanzato della vittima e della coppia di amici che per primi avvisarono le forze dell’ordine: i tre, connazionali della giovane, si erano preoccupati perché la ragazza non rispondeva al telefono, e hanno raggiunto la villetta di Numana alle due di lunedì, non notando il cadavere e chiamando il 112 solo un’ora dopo. Le indagini, per il momento, hanno comunque escluso qualsiasi loro coinvolgimento nei fatti.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Delitto di Numana: interrogato l’ultimo cliente, si cerca fra pc, cellulari e social network

AnconaToday è in caricamento