Omicidio Maria Brutti, non convalidato l'arresto della figlia: "non c'è pericolo di fuga"

Il Gip di Ancona, Carlo Cimini, non ha convalidato l'arresto della figlia di Maria Bruna Brutti, la 76enne di Fabriano uccisa nella sua abitazione sabato scorso. Secondo il giudice non ci sarebbe pericolo di fuga

"Non c'è pericolo di fuga". Per questo il Gip di Ancona Carlo Cimini non ha convalidato l'arresto della figlia di Maria Bruna Brutti, la 76enne di Fabriano, brutalmente uccisa sabato pomeriggio nella sua abitazione.

La 41enne resterà però in custudia cautelare nel reparto di psichiatria di Senigallia. Secondo gli inquirenti, la donna avrebbe aggredito sua madre con il calcio di una pistola da soft-air.  Le due vivevano insieme da appena 15 giorni, ma i vicini giurano di averle sentite litigare più volte. La figlia, che poco tempo fa era stata sottoposta ad un trattamento obbligatorio sanitario,  avrebbe negato ogni coinvolgimento: "non so cosa sia successo."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche di nuovo in zona gialla, Acquaroli: «C'è la conferma del ministro Speranza»

  • Vitamina D: perché è importante, dove trovarla e come accorgersi di una carenza

  • Sette furti, poi l'inseguimento da Polverigi ad Ancona: chi sono gli arrestati di via 25 Aprile

  • Dramma nella notte, Yasmine muore a soli 20 anni: il cordoglio da tutta la città

  • Coronavirus, screening di massa con tampone antigenico rapido nelle Marche

  • Emergenza Covid, Acquaroli preoccupato: «Rischiamo crisi economica impressionante»

Torna su
AnconaToday è in caricamento