«Aiuto, lasciami, non mi toccare», le ultime parole di Fiorella prima del colpo mortale

Secondo il racconto di una vicina sarebbero state queste le ultime parole pronunciate dalla 69enne di Jesi, brutalmente uccisa mentre si trovava in casa con suo marito

La salma di Fiorella

JESI - E' stato ascoltato dai carabinieri il marito di Fiorella Scarponi, la 69enne di Jesi uccisa brutalmente con un fendente alla gola dal killer di 25 anni che abitava nel suo stesso quartiere. L'uomo, 74 anni, è ricoverato in gravi condizioni all'ospedale regionale di Torrette, ma non è in pericolo di vita. Ha riportato una brutta frattura alla mandibola, tre tagli sul collo ed uno al mento. Sarebbero state proprio le tre figlie della coppia a comunicare al papà la morte dell'amata moglie Fiorella, visto che lui, ancora sotto choc, pensava che fosse ricoverata in ospedale ma ancora viva. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ai militari il 74enne, ex impiegato di banca ormai in pensione, avrebbe raccontato tutti i dettagli dell'aggressione subita da Michel Santarelli, il giovane vicino di casa con disturbi comportamentali che già mesi fa tentò di fare irruzione nel loro appartamento. In quel frangente lui e sua moglie riuscirono a farlo desistere e lo allontanarono. L'uomo avrebbe tentato in tutti i modi di difendere la moglie e se stesso, ma i pugni in volto ed i tagli inferti lo avrebbero tramortito e fatto cadere a terra in un lago di sangue. A fianco a lui il corpo esanime di Fiorella, colpita alla gola da un fendente mortale. Secondo quanto raccontato da alcuni vicini la donna prima di morire avrebbe urlato all'assassino di risparmiarli: «Aiuto, mi devi lasciare, non mi toccare». Parole choc seguite poi da un silenzio assordante. Sono stati proprio i residenti ad allertare i carabinieri, che quando sono intervenuti hanno trovato i due coniugi riversi a terra: l'assassino si trovava invece nascosto dietro una siepe in un campo non troppo distante dal luogo della tragedia. Ai militari avrebbe detto di sentire le voci del diavolo ed ora si trova piantonato nel reparto di Psichiatria dell'ospedale "Carlo Urbani" di Jesi dove lunedì è prevista l'udienza di convalida dell'arresto. 

Il sindaco Bacci: «Sconcertati dalla spaventosa tragedia»

Presunto omicida in caserma, il punto del comandante dei carabinieri Cristian Carrozza  | VIDEO

Un colpo a Fiorella e 4 fendenti al marito: il vicino di casa killer aveva già provato ad entrare

Le prime immagini della mattinata di sangue che ha sconvolto Jesi - VIDEO

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prima il gelato al bar, poi la "società" per il gratta e vinci: due clienti vincono 10mila euro

  • Cadono calcinacci dalla galleria, torna regolare la viabilità sulla Statale 16

  • Dramma al cantiere, la gru si ribalta: muore operaio 59enne

  • Crolla una parte del controsoffitto dopo il temporale, la palestra chiude

  • «Vi faccio ammazzare dalla mafia», si presenta sotto casa di ex e figlia con la mazza

  • Variante sulla Statale 16, il Comune non molla e rilancia: 2 autovelox

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento