rotate-mobile
Cronaca

Delitto di Chiaravalle, in appello confermato l'ergastolo per il vicino di casa

Maurizio Marinangeli era presente in aula. Condannato dalla Corte d'Appello per omicidio volontario premeditato e rapina aggravata

Dalla Corte d'Appello di Ancona arriva la conferma dell'ergastolo per Maurizio Marinangeli, cuoco 60enne, affetto da ludopatia, accusato di aver accoltellato a morte il 17 luglio del 2018 a Chiaravalle la vicina di casa Emma Grilli per poi derubarla di alcuni monili d'oro del valore di 400 euro poi rivenduti in un compro oro di Falconara. L'accusa aveva chiesto anche in secondo grado l'ergastolo per omicidio volontario premeditato e rapina aggravata.

Marinangeli, presente all'udienza di oggi, ha ribadito la propria innocenza. «Ho fatto degli sbagli e li ho pagati ma non sono un assassino o un criminale - ha detto in aula l'imputato - sto vivendo un incubo e ho perso tutto, moglie, figli e amici. Non ho mai avuto problemi con la giustizia, il mio unico coinvolgimento in questa vicenda è dato dal fatto che sono stato io a rivendere l'oro». Stando alla sua versione dei fatti, sarebbe stato un suo conoscente, la sera prima dell'omicidio, ad avergli dato l'incarico di vendere i monili dell'anziana indifesa al compro oro di Falconara. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Delitto di Chiaravalle, in appello confermato l'ergastolo per il vicino di casa

AnconaToday è in caricamento