Omicidio Bordea, sentenza d'Appello: pena ridotta per Maria Andrada

La Corte d'Appello delle Marche ha ridotto al pena di Maria Andrada che in primo grado era stata condannata per omicidio a 16 anni d 2 mesi di carcere per l'omicidio del marito, dopo che il pm aveva chiesto proprio 16 anni

La Corte d'Appello

La Corte d'Assise d'Appello delle Marche ha ridotto al pena di Maria Andrada che lo scorso febbraio in primo grado era stata condannata per l'omicidio del marito a 16 anni d 2 mesi di carcere dopo che il pm Giovanna Lebboroni aveva chiesto proprio a 16 anni. Oggi (27 gennaio) i giudici di secondo grado hanno accolto la l'istanza della difesa sostenuta dagli avvocati Jacopo Saccomani e Alessio Stacchiotti (in foto), che avevano chiesto il riconoscimento delle attenuanti generiche sulle aggravanti. E così i giudici hanno accolto, riducendo la pena della donna a 14 anni e 20 giorni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La rumena resta comuqne la responsabile dell'omcidio del marito Dimitru Bordea, ucciso il 3 marzo del 2104 a coltellate mentre era seduto sulla sedia della cucuina. Maria Andrada, quella sera, ha approfittato di un momento di debolezza del marito per impugnare un coltellaccio da cucina e colpirlo a morte con 6 fendenti tra petto e collo. Di questi uno è stato fatale, quello alla giugualare, che ha provocato il dissanguamento della vittima in poco tempo. Il tutto mentre la figlia più grande (6 anni) era a casa. Proprio la sua testimonianza, ascoltata con la formula dell’incidente probatorio, fu fondamentale ai fini delle Saccomani---Stacchiottiindagini. Un delitto nato dopo mesi di problemi familiari in cui il rumeno, ben voluto e conosciuto ad Agugliano, aveva perso il lavoro poco dopo la moglie. Una disgrazia da cui non si sarebbe più ripreso, cominciando a bere e abdicando al ruolo di padre e marito dentro le mura di casa.  La disoccupazione e le difficoltà economiche lo avevano portato in uno "stato depressivo" tale da rinunciare al ruolo di marito e di padre e buttandosi nell’alcool. Una condizione familiare dura, esplosa nell'efferato omicidio della 26enne. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un colpo mortale a Fiorella e 4 fendenti al marito: il killer aveva già provato ad entrare

  • Parcheggia lo scooter e si lancia sotto il treno: tragedia sui binari

  • Choc in spiaggia, prende a pugni una donna e scappa: nella fuga perde i documenti

  • Crisi respiratoria, portata all'ospedale in elicottero: ragazza in gravissime condizioni

  • Entra in casa di una coppia di anziani, prima ammazza lei e poi si scaglia contro il marito

  • Porta a spasso il cane e si accascia, inutile la rianimazione: muore in strada

Torna su
AnconaToday è in caricamento