Venerdì, 19 Luglio 2024
Cronaca

L’autofficina (abusiva) è anche una farmacia, trovate 115 scatole di analgesici: scattano i sigilli

Materiali di scarto senza autorizzazioni, un lavoratore in nero e i medicinali: scatta l'accusa di ricettazione contro ignoti. Multa al titolare

ANCONA - Officina abusiva con materiali di scarto pericolosi e confezioni di medicinali, secondo gli investigatori, destinati alla ricettazione. Struttura sequestrata a Porto Recanati, da parte della Guardia di Finanza e dei carabinieri. La mancanza di autorizzazioni per l’esercizio ha portato alla sanzione di 15mila euro per il titolare. Trovati  batterie fuori uso, dischi, pastiglie, pneumatici e oli esausti, senza i titoli per la gestione e lo smaltimento. Secondo le ricostruzioni, nella struttura lavorava anche un dipendente “in nero”. Tre veicoli avevano targhe per le quali non è stato riscontrato l’avvio della procedura di radiazione dal Pubblico Registro Automobilistico. Trovate anche 115 confezioni di medicinali ad azione analgesica. Materiale, a detta del titolare, trovato in un veicolo in fase di riparazione. Secondo i militari, invece, erano destinati alla ricettazione: reato contestato, per ora, a carico di ignoti. 


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L’autofficina (abusiva) è anche una farmacia, trovate 115 scatole di analgesici: scattano i sigilli
AnconaToday è in caricamento