Mare: operativo il nuovo Piano per la difesa del mare e delle zone costiere

Individuate tutte le necessarie procedure operative in caso di inquinamento marino: la capitaneria di Porto dichiarerà l'Emergenza Locale, nei casi più gravi interverrà il Ministero che dichiarerà quella Nazionale

La Capitaneria di Porto di Ancona si è dotata di un nuovo e più efficace strumento operativo al fine di conseguire al meglio una delle più importanti missioni del Corpo: la difesa delle aree costiere da inquinamenti.

Parliamo del nuovo “Piano Operativo Locale di Pronto Intervento per la Difesa del Mare e delle Zone Costiere” da inquinamenti accidentali provocati da idrocarburi e da altre sostanze nocive per l’ecosistema marino.

Il nuovo Piano Operativo Locale è in linea con il Piano Nazionale di Pronto Intervento, Edizione 2013, emanato recentemente dal Ministero dell’ Ambiente e si raccorda appieno con il Piano Nazionale del Dipartimento di Protezione Civile.

In questa pianificazione sono individuate tutte le necessarie procedure operative in caso di inquinamento marino. Spetta al Comandante della Capitaneria di Porto competente dichiarare l’“Emergenza Locale” qualora l’inquinamento marino possa essere fronteggiato con i mezzi disponibili localmente.
Nei casi più gravi, spetterà al Dipartimento di Protezione Civile, su proposta del Ministro dell’Ambiente,  dichiarare l”Emergenza Nazionale” e coordinare le strategie di intervento.

“Sulla problematica  ambientale non bisogna mai abbassare la guardia, tenuto peraltro conto  che il Mare Adriatico è un bacino semichiuso, con lento ricambio delle proprie masse d’acqua, per cui anche un inquinamento di lieve entità potrebbe sortire effetti negativi non solo sul delicato ecosistema marino ma anche sul profilo costiero”,  ha dichiarato l’Ammiraglio Giovanni Pettorino, Comandante Regionale della Guardia Costiera delle Marche e Comandante del Porto di Ancona.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in moto, il centauro lotta tra la vita e la morte: si indaga sulle cause

  • Schianto sulla Cameranense, Giuliano è morto: ha donato gli organi

  • Schianto pauroso sulla Cameranense, tre i mezzi coinvolti: motociclista gravissimo

  • Investito da un'auto dopo essere uscito dal bar, è grave un uomo di 64 anni

  • Frontale tra due auto, paura per una giovane automobilista e strada chiusa

  • Malore alla guida in A14, poi l'incidente: 48enne ricoverato in gravi condizioni

Torna su
AnconaToday è in caricamento