Mercoledì, 16 Giugno 2021
Cronaca

Dalla sarta della Resistenza alla partigiana sindacalista: ecco le nuove “vie in rosa” anconetane

Sono Alda Lausdei, Derna Scandali, Ilaria Alpi, Artemisia Gentileschi, Rita Levi Montalcini e le staffette partigiane: queste le figure femminili proposte dalle scuole per l'intitolazione delle nuove strade ad Ancona

Sono Alda Lausdei  (sarta della Resistenza dorica, con i suoi travestimenti salvò molti condannati), Derna Scandali  (partigiana e sindacalista anconetana sempre in prima linea) , Ilaria Alpi (giornalista  Rai uccisa in Somalia), Artemisia Gentileschi  (pittrice tra le più grandi del dopo Caravaggio)  Rita Levi Montalcini (scienziata Premio Nobel scomparsa lo scorso anno)  e le staffette partigiane le figure femminili proposte dalle scuole  per l’intitolazione delle nuove strade ad Ancona.  Queste le  figure di donna che – con la loro vita esemplare- hanno riscosso il maggior gradimento da parte degli studenti coinvolti dall'Amministrazione comunale in un progetto  di valorizzazione dei personaggi femminili che hanno svolto un ruolo nella storia locale e nazionale e che sono da ricordare  anche attraverso la loro consacrazione nella toponomastica cittadina.

Nel capoluogo dorico sono 594 le vie presenti.  Di queste, 322 sono dedicate a personaggi storici e tra loro solo 10 donne. Una carenza da colmare- è stato sottolineato dagli Amministratori-  perchè sono veramente tante le ragazze e le donne che si sono impegnate generosamente in diversi campi, dall'arte, alla ricerca,  alla scienza, all'informazione, all'attività in favore dei diritti  sociali, civili e della democrazia  per migliorare il mondo in cui sono vissute, lasciando un segno tangibile.

07-03-2014 TOPONOMASTICA foto 2 sala consiglio, cerimonia 2014 005-2Ad essere premiate stamane durante la cerimonia che si è svolta a Palazzo del Popolo dall'assessore alle Pari Opportunità, Emma Capogrossi, alle Politiche educative Tiziana Borini e alla Partecipazione Democratica Stefano Foresi, nonché dal consigliere provinciale di Parità Pina Ferraro, si segnalano l'Istituto comprensivo Grazie Tavernelle- scuole Marconi-  che ha ottenuto il primo premio proponendo Alda Lausdei;  la II A delle “Pinocchio” dell'Istituto comprensivo Pinocchio Montesicuro che ha conquistato il secondo premio con Derna  Scandali  e le “Leopardi” dell'Istituto Comprensivo Novelli Natalucci che ha fatto il tifo per Ilaria Alpi.  

Tra le scuole secondarie si è distinta la classe II A del Liceo classico Rinaldini che ha pensato alle staffette partigiane; a seguire (secondo premio), la classe IV A del settore moda dell'Istituto Vanvitelli Stracca Angelini con Artemisia Gentileschi e al terzo posto la classe IV AT  che ha indicato Rita Levi Montalcini. Attestati sono stati consegnati alle scuole M. Buonarroti dell'Istituto comprensivo  Quartieri Nuovi e Pinocchio.  

Gli studenti presenti oggi erano stati chiamati a svolgere una ricerca storica su personaggi femminili non solo della nostra città, ma anche di livello nazionale e internazionale e a presentare alla Commissione giudicatrice del concorso (in palio premi in denaro per le scuole) la motivazione della candidatura di quei personaggi per l’intitolazione di una strada.    E lo hanno fatto con determinazione, intelligenza e passione.
Il Comune di Ancona con questo concorso ha aderito  ad un progetto di livello nazionale, visionabile sul sito (www.toponomasticafemminile.it) dove può trovare la mappa di tutti i comuni che hanno aderito all’iniziativa.

Gallery

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dalla sarta della Resistenza alla partigiana sindacalista: ecco le nuove “vie in rosa” anconetane

AnconaToday è in caricamento