Giovedì, 17 Giugno 2021
Cronaca

Rivoluzione della viabilità a Castelferretti: ecco cosa cambierà

A finire sul tavolo un'ampia gamma di misure a breve, medio e lungo periodo. Fra le altre: autovelox, pedonalizzazione del centro storico, parcheggi e un by-pass esterno

“Un confronto aperto, sincero volto a proporre idee progettuali e sperimentali in grado di offrire risposte durature e credibili al complesso problema della viabilità a Castelferretti”.
Così il vice-sindaco di Falconara Marittima con delega alla viabilità, Clemente Rossi, ieri sera ha introdotto l’assemblea cittadina convocata dalla Giunta, presso il Circolo Quercetti di Castelferretti per “spiegare” a cittadini, associazioni di categoria e commercianti le misure volte a rivoluzionare la viabilità del centro cittadino.

A disegnare il quadro dei provvedimenti in cantiere, l’Assessore ai lavori pubblici, Matteo Astolfi.  A finire sul tavolo un’ampia gamma di misure a breve, medio e lungo periodo volte ad arginare una serie di problemi che ormai da tempo pesano sui castelfrettesi: l’alta densità di traffico sulla strada principale che collega a Falconara e a Chiaravalle, la scarsa sicurezza dovuta all’eccessiva velocità  delle auto all’interno del centro abitato, la scarsità di parcheggi e la carenza di percorsi ciclabili.

Tra le proposte da attuare nell’immediato, ovvero entro un anno, sul piatto dell’amministrazione comunale figurano la riduzione del limite di velocità a 40 km/h all’interno del centro cittadino, l’installazione di due autovelox, la realizzazione di una rotatoria tra via Mauri e Montale, oltre che la pedonalizzazione del centro storico in determinati orari della giornata o in periodi dell’anno (la domenica mattina dalle 10 alle 13 o dalle 21 alle 23 nel periodo estivo).
 Tra le ipotesi lanciate dall’amministrazione per il medio periodo, da attuare entro 2 anni,  il senso unico  sul tratto via XIV luglio-via Magellano in direzione Chiaravalle, il potenziamento del parcheggio in via della Stazione, tramite un collegamento diretto con la SP13  e la realizzazione di piste ciclabili che attraversano il centro abitato con apposite aree verdi pubbliche (in via S. Sebastianelli e lungo l’argine del Fosso Canettacci, oltre ad orti pubblici per anziani nell’area adiacente al cimitero).
Più rivoluzionarie, invece, le proposte che guardano al lungo periodo, da attuarsi entro 5 anni:  la realizzazione di un nuovo by-pass esterno al centro abitato e la messa a sistema  delle piste ciclabili esistenti con quelle che sono già in corso di realizzazione (tratto Fiumesino-aeroporto), oltre che con  nuovi tratti (Castelferretti-Fiumesino-Villanova) per spingere tramite una “rete ciclabile”, la mobilità alternativa all’auto.

“L’obiettivo delle misure proposte  – ha dichiarato il vicesindaco  Rossi- non è la blindatura di Castelferretti – ma la sua valorizzazione attraverso il miglioramento della sicurezza e della qualità della vita”.
“Un accesso ordinato alla città - ha sottolineato l’assessore al Commercio, Raimondo Mondaini –  è un presupposto per la sicurezza dei cittadini e un valore aggiunto per le attività commerciali.  Nonostante la situazione drammatica in cui versa il Comune di Falconara, non vogliamo assumere un atteggiamento rinunciatario”.
 

Silvia Barchiesi

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rivoluzione della viabilità a Castelferretti: ecco cosa cambierà

AnconaToday è in caricamento