Tecnologia: superato il limite di profondità grazie a equipe Univpm

Una nuova tecnologia per la realizzazione di diaframmi impermeabili fino a 250 m di profondità, un limite mai superato prima, è stata messa a punto dall'equipe di lavoro dei professori Pasqualini e Fratalocchi

Una nuova tecnologia per la realizzazione di diaframmi impermeabili fino a 250 metri di profondità, un limite mai superato prima, è stata messa a punto dall'equipe di lavoro di Erio Pasqualini ed Evelina Fratalocchi, docenti del Dipartimento di Scienze e ingegneria della materia, dell'Ambiente e urbanistica (Simau) dell'Università Politecnica delle Marche.

La collaborazione è frutto di un contratto di ricerca con il Gruppo Trevi di Cesena, leader mondiale nel settore dell'ingegneria geotecnica e ambientale. Diaframmi di profondità superiori di oltre 100 metri il limite mai raggiunto finora serviranno a costruire nuove dighe e a riparare quelle che presentano problemi di filtrazioni.

La sperimentazione è stata supportata dall'Università di Bologna, dal Politecnico di Torino e dalla Politecnica delle Marche, che ha sviluppato lo studio dei materiali in grado di garantire prestazioni per gli schermi impermeabili perfezionando anche i sistemi di controllo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il nuovo Dpcm arriva il 3 dicembre, limitazioni tra regioni e raccomandazioni per il Natale

  • Marche di nuovo in zona gialla, Acquaroli: «C'è la conferma del ministro Speranza»

  • Blitz in via 25 Aprile, Carabinieri e Polizia in massa blindano la strada: 4 arresti

  • Sette furti, poi l'inseguimento da Polverigi ad Ancona: chi sono gli arrestati di via 25 Aprile

  • Marche di nuovo in zona gialla? Acquaroli ci spera: «La curva sta scendendo»

  • Lutto in Comune, morta a 45 anni la dipendente Patrizia Filippetti

Torna su
AnconaToday è in caricamento