Mercoledì, 23 Giugno 2021
Cronaca Quartiere Adriatico / Piazza Camillo Benso Cavour

Restyling Piazza Cavour, Casa delle Culture: "Cittadini tagliati fuori dal progetto"

Cuccaroni: "Il Comune finanzia percorsi di formazione sulla partecipazione ma nel progetto finale di piazza Cavour i cittadini non sono stati presi in considerazione. La piazza sarà più verde ma non più vissuta"

Progetto della nuova Piazza Cavour

Al di là che il progetto di riqualificazione di piazza Cavour possa piacere o meno, quello che non è andato giù ai cittadini è stato il mancato coinvolgimento. Nel 2011 era stato fatto un concorso di idee per "La passeggiata da mare a mare", dal Porto al Passetto, ma per il momento non è stata utilizzata nessuna proposta del progetto vincitore. Sul restyling di piazza Cavour non sono stati coinvolti i cittadini, le associazioni o gli ordini professionali. Per la Casa delle Culture, insomma, non è tanto una questione di merito, ma di metodo.

“Ormai è una partita chiusa, è in fase di esecuzione. Non ci sono più i tempi per adottare la pratica che invece il Comune dovrebbe applicare stando ai suoi stessi impegni, ovvero la partecipazione- commenta Valerio Cuccaroni, portavoce Casa delle Culture-. Da questa vicenda emerge come non sia stata presa in considerazione nel progetto finale la partecipazione dei cittadini. C'è una sorta di schizofrenia amministrativa: prima il Comune dichiara la partecipazione come criterio di scelta per i progetti e finanzia percorsi formativi sul tema come la Scuola di Partecipazione per formare i cittadini e amministratori, però poi la partecipazione non è attuata. Mi auguro che il Comune finanziando questa scuola spinga affinché più tecnici possibili partecipino”.

E prosegue. “La partecipazione non è fare una conferenza su un progetto già definito per presentarlo alla cittadinanza. La partecipazione richiede dei percorsi specifici. Per piazza Cavour andava fatta prima una consultazione con i cittadini poi con architetti e tecnici per definire il piano. Se il Comune si è mosso in una linea che punta a pratiche partecipative lo faccia”.

Mercoledì pomeriggio, alla Casa delle Culture, si è tenuta una riunione con i cittadini in merito alla questione di piazza Cavour. Che ormai si tratti di un progetto chiuso è fuori discussione. Non ci sono i tempi per fare un percorso di partecipazione da qui ad ottobre. “Questo modo di agire presentando progetti già fatti messi in campo dalla stessa amministrazione fa piazza pulita di quello che c'era precedentemente. Si teme che, per la metodologia con cui è stata progettata, la nuova piazza Cavour non abbia nulla per essere vissuta dai cittadini. Sarà più verde ma non più vissuta” afferma Cuccaroni.

Durante la riunione è emerso il desiderio di costituire un gruppo permanente di partecipazione aperto a tutti in grado di creare interlocutori informati con cui l'amministrazione possa interagire. “Cooperare con l'amministrazione è possibile solo se l'amministrazione decide di coinvolgere la cittadinanza. Non interessa fare un'opera di contrasto, ormai non si può più cambiare il destino della piazza” conclude il portavoce di Casa delle Culture.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Restyling Piazza Cavour, Casa delle Culture: "Cittadini tagliati fuori dal progetto"

AnconaToday è in caricamento