Capodanno con il silenziatore, arriva l'ordinanza: vietati i botti a San Silvestro

L’ha firmata il sindaco e sarà in vigore dalle ore 18 del 31 dicembre e per l’intera giornata del 1° gennaio

JESI - Coniuga divieti e raccomandazioni, oltre ad un appello al senso di responsabilità di ciascuno, l’ordinanza anti-botti per la notte di San Silvestro, predisposta con l’obiettivo di prevenire infortuni o incidenti vari. L’ha firmata il sindaco e sarà in vigore dalle ore 18 del 31 dicembre e per l’intera giornata del 1° gennaio.

Con il provvedimento è fatto “divieto a chiunque far esplodere petardi, botti o articoli esplodenti ad alta rumorosità in genere anche se di libera vendita in luoghi aperti al pubblico e in vie, piazze, aree pubbliche e, più in generale, in luoghi di aggregazione o comunque in tutti quelli affollati, nelle aree a rischio propagazione degli incendi, nei pressi dell’ospedale Carlo Urbani, delle scuole, luoghi di culto o comunque nelle vicinanze di monumenti, edifici o aree a valenza storico-architettonica, naturalistica o ambientale. È altresì vietato - continua l’ordinanza - l’utilizzo di prodotti pirotecnici meno invasivi e pericolosi dei precedenti, anche limitatamente ai giochi di luce con effetti scenici gradevoli e meno dirompenti, senza l’adozione di tutte le cautele e gli accorgimenti necessari a prevenire i rischi per la propria e altrui incolumità, in particolare di soggetti deboli quali anziani e bambini e animali, che andranno tenuti sempre a debita distanza da chi fa uso dei fuochi e in condizioni di sicurezza”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Non solo - continua l'ordinanza - si raccomanda anche ai genitori di vigilare sui propri figli affinché facciano un corretto uso dei dispositivi nei luoghi privati, rispettino le istruzioni ed evitino di raccogliere ordigni inesplosi. Raccomandazione anche per i proprietari di animali d’affezione di vigilare e attivarsi affinché il disagio degli animali determinato dagli scoppi non causi danni alle persone e agli animali medesimi. Più in generale, nell’ordinanza, si invita tutti coloro che hanno la disponibilità di aree private, finestre, balconi, vedute prospicienti la pubblica via, di limitarne e controllarne l’uso nell’effettuazione di spari, scoppi, lanci di fuochi pirotecnici, nonché di prestare attenzione alla caduta di altri oggetti pericolosi per la pubblica incolumità. La sanzione prevista varia dai 25 ai 500 euro».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • La piazza come una latrina, sorpreso a defecare: costretto a pulire i suoi escrementi

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • Nuovo Dpcm, arriva la firma di Conte: ecco cosa cambia da lunedì 26 ottobre

  • Terapie intensive, Marche terzultime in Italia: apre il Covid Hospital con medici militari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento