Non riesci a pagare le tasse, paghi in lavoro: Falconara apre al baratto amministrativo

Lavori di pubblica utilità per coloro che non riescono a provvedere al pagamento delle tasse comunali o che hanno contratto debiti con l'Ente. Lo prevede un decreto nazionale che ora viene rilanciato dal Presidente del Consiglio Comunale

Debiti con il Comune. Somme che spesso l'Ente non riesce a riscuotere perché il cittadino debitore è indigente, non ha più lavoro, arriva a stento alla terza settimana del mese. Storie sentite mille volte in questi anni di crisi ma presto qualcosa potrebbe cambiare a Falconara. In arrivo il cosiddetto Baratto Amministrativo, possibilità prevista nel decreto Sblocca Italia del Governo Renzi. In cosa consiste? Il cittadino che è in difficoltà nel pagare le tasse comunali o che ha contratto debiti può presentare progetti di pulizia, manutenzione, abbellimento di aree verde, piazze e strade, interventi di decoro urbano, recupero e riuso di aree e beni immobili inutilizzati. In cambio il Comune acconsentirà riduzioni o esenzione dei tributi o tagli del debito.

L'idea si è trasformata in una mozione presentata dal Presidente del Consiglio Marco Giacanella, che sarà discussa durante il consiglio comunale di mercoledì 29 luglio. Anche l'assessore al Patrimonio e Lavori Pubblici Matteo Astolfi si era interessato di questa possibilità dando mandato agli uffici di verificare la fattibilità del nuovo impianto normativo. "Per certi versi – spiega Giacanella - è un ritorno al passato quando nei Comuni i proprietari di appezzamenti attraversati dalle strade municipali godevano di esenzioni se provvedevano al loro mantenimento in buono stato. Una buona pratica abbandonata per una presunta “uguaglianza” burocrazia a causa della quale si è ottenuto uno spreco delle risorse pubbliche e di efficienza".

La mozione ha il compito di impegnare la giunta a rendere operativo il Baratto Amministrativo e prevede inoltre una serie di assemblee pubbliche nei quartieri per informare i cittadini di questa nuova possibilità. "Sono convinto – spiega Giacanella - che oggi più che mai le Amministrazioni comunali devono ripensare i rapporti tra l’ente locale ed i cittadini al fine di impedire il tentativo di trasformare il Comune a semplice gabelliere dello Stato centrale cercando, al contrario, di dare un segnale di vicinanza ai problemi della cittadinanza".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Chiusura piazza del Papa, la Mancinelli avverte: ora palla agli anconetani

  • Terapie intensive, Marche terzultime in Italia: apre il Covid Hospital con medici militari

  • Reparti Covid sold out a Torrette, scatta il blocco delle ferie per infermieri e Oss

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento