Sabato, 31 Luglio 2021
Cronaca

Wi-Fi: ecco la mappa di Ancona, ma manca l'accesso pubblico

Il capoluogo marchigiano è ancora indietro sul fronte del Wi-Fi libero: diversi esercizi commerciali lo offrono, ma ancora non esistono spazi pubblici. Il M5S di Fabriano ci racconta di un'interessante iniziativa

La libertà di accesso al web tramite reti libere wi-fi è una di quelle innovazioni di cui si sente molto il bisogno. Al di fuori delle nostre quattro mura di casa, la possibilità di accedere al mondo internet in zone pubbliche con un telefonino, un tablet o un pc portatile, è oramai condivisa da tutti perché sono tantissime le utilità che si hanno da questo servizio: comunicare, informarsi, commentare, acquistare un servizio, passare del tempo libero.

Ancona, sotto questo punto di vista, è ancora in fase embrionale perchè da una parte non sono moltissime le attività commerciali che offrono un servizio internet gratuito, dall’altra non esistono spazi pubblici con possibilità di connessione. Un peccato se si pensa a che, pochi giorni fa, il Movimento 5 Stelle di Fabriano, tramite la propria pagina facebook, ha posto all’attenzione dei cittadini anconetani un’azione politica dei propri concittadini del Movimento 5 Stelle di Pomigliano: i grillini campani hanno creato 7 punti wi-fi gratuiti nel centro città, il tutto senza spendere sondi pubblici, senza avere un consigliere comunale e nel giro di un anno.

PER L'ELENCO DEI PUNTI DI ACCESSO WI-FI DI ANCONA, CLICCA QUI

Come hanno fatto? Hanno dialogato con i commercianti di Pomigliano che avevano già una rete internet nel loro locale e, grazie ad router modificato, hanno potenziato il segnale all’esterno dei locali, dando rete wi-fi alle piazze e vie circostanti. L’attività informatica è gestita da una società che si chiama “Generazione Libera”: questa da una parte fa in modo che il commerciante dia un servizio in più al cittadino sul suolo pubblico, dall’altra fa in modo che lo stesso abbia la sua pubblicità sulla home page di chi si connetterà nelle zone pubbliche.

La Regione Marche sotto questo profilo ha un progetto di investimento per coprire di linea wi-fi alcuni punti storici e culturali di numerosi comuni, tra cui quello di Ancona. Il progetto però è solo all’inizio perché ad Ancona non esistono nemmeno le premesse strutturali che consentano di avere accessi internet gratuiti in luoghi pubblici. Insomma siamo indietro e lo dimostra il contrasto tra la domanda e l’offerta di questo servizio: mentre tutti avrebbero bisogno di accesso internet dovunque per interagire, informarsi, lavorare, rilassarsi, comunicare, le pubbliche istituzioni sono ancora in una fase di studio e in un comune come quello di Pomigliano, ci hanno dovuto pensare i ragazzi del movimento 5 stelle insieme ai commercianti.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Wi-Fi: ecco la mappa di Ancona, ma manca l'accesso pubblico

AnconaToday è in caricamento