‘Ndrangheta banca delle imprese, capannone anconetano comprato con i soldi del clan

L'operazione ha portato alla luce il modo con cui l'organizzazione criminale riciclava i soldi via Svizzera e Marche

Foto di repertorio

ANCONA - La ‘ndrangheta finanzia le operazioni commerciali nel territorio marchigiano. L’inchiesta denominata “Open Fiber” (che nulla a che vedere con l’omonima società) coordinata dalla procura di Ancona e portata a termine dai carabinieri del ROS ha portato alla luce il meccanismo con cui i soldi della malavita calabrese venivano ripuliti passando via Svizzera e Marche. Sono 4 le persone fermate: Domenico Laurendi, imprenditore di Sant’Eufemia di Aspromonte ma residente da tempo a Fabriano e ritenuto dagli investigatori il regista locale dell’operazione, oltre a due geometri fabrianesi di 67 e 58 anni e un broker 44 enne fabrianese di nascita ma residente in Romania e fermato a Bologna. Le accuse sono quelle di riciclaggio e autoriciclaggio commessi con l’aggravante mafiosa. I dettagli sono stati spiegati in una conferenza stampa dal procuratore della Repubblica Monica Garulli e dal sostituto procuratore Daniele Paci insieme al vicecomandante del ROS Giancarlo Scafuri, il comandante provinciale dei carabinieri Cristian Carrozza e il comandante del ROS di Ancona, Francesco D’Ecclesis. (GUARDA IL VIDEO)

Il modus operandi 

Ad attivare il riciclaggio dei soldi, secondo la tesi accusatoria, è stato lo stesso Laurendi. L’imprenditore, attivo nel settore delle fibre ottiche e secondo gli investigatori affiliato al clan “Alvaro” di Sinopoli (figura tra i 65 arrestati in Calabria nella più vasta operazione “Eyphemos”), avrebbe aiutato i due geometri ad acquistare un capannone industriale alla Baraccola dal valore complessivo di 1,5 milioni di euro. Come? Attivando il trasferimento verso le Marche di ben 320mila euro. I soldi, dicono gli investigatori, facevano parte di un tesoro che il clan aveva in Svizzera e, tramite il broker, erano tornati in Italia per finanziare parte dell’acquisto da parte di uno stock di società anconetane, riconducibili ai geometri e agli altri tre indagati a piede libero. Ci guadagnava anche la ‘Ndrangheta, che così poteva recuperare del denaro ripulito. C’era un problema, però. Quei soldi dovevano tornare effettivamente nelle tasche del clan. Come? Secondo gli investigatori lo stock di società avrebbe ripagato una parte di quell’ “anticipo”, 140mila euro, con una serie di false fatturazioni relative a lavori mai effettuati sul capannone. Per saldare il resto, i geometri avrebbero impegnato un terreno di Genga in un preliminare di vendita. A dare il via all’indagine, che ha portato a 15 perquisizioni in diverse regioni d’Italia, sono state le segnalazioni per operazioni sospette arrivate ai militari dalla Banca d’Italia. Il capannone anconetano è ora sotto sequestro preventivo. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Open Fiber, come precisato dagli organi inquirenti nel corso della conferenza stampa tenuta stamattina ad Ancona, è totalmente estranea all'indagine condotta dalla Direzione distrettuale antimafia della città marchigiana. La stessa inchiesta culminata nell'emissione di alcune misure cautelari è del resto incardinata - sempre secondo quanto diramato dagli investigatori - su fattispecie di reato non correlate in alcun modo alla realizzazione di infrastrutture in fibra ottica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Chiusura piazza del Papa, la Mancinelli avverte: ora palla agli anconetani

  • Terapie intensive, Marche terzultime in Italia: apre il Covid Hospital con medici militari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento