menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Mura Corinaldo

Mura Corinaldo

Mura cittadine, lavori di riqualificazione della Torre dello Sperone e della Fontana

In settimana sono iniziati i lavori di riqualificazione della Torre dello Sperone, simbolo delle mura corinaldesi, del tratto di mura adiacente e della Fontana in Piazza Risorgimento

Le mura di Corinaldo sono l'antica cinta di difesa di Corinaldo e sono tra le più complete e meglio conservate della regione, racchiudendo il nucleo storico della cittadina con un perimetro di 912 metri. Ecco perché preservarle al meglio fa parte del prendersi cura del bene comune e valorizzare il patrimonio storico di una comunità. La cinta muraria è giunta ai giorni nostri ancora ben restaurata e conservata, ma il tempo che scorre richiede interventi di pulizia a cura. In settimana sono iniziati i lavori di riqualificazione della Torre dello Sperone, simbolo delle mura corinaldesi, del tratto di mura adiacente e della Fontana in Piazza Risorgimento. 

Un’opera straordinaria di riqualificazione che si concretizza, per quanto riguarda la Torre dello Sperone e le mura adiacenti, con un lavoro di riempimento delle fessure con applicazione di malta di calce a basso contenuto di argilla, con una spazzolatura e pulizia finale dei mattoni con acqua corrente e spugne per eliminare i residui di polvere e stuccatura dai mattoni e con un trattamento protettivo mediante l'applicazione a pennello di idrorepellente a base di silicato di etile, silossani oligomeri o simili. A questo intervento si aggiunge il restauro della Fontana e il recupero illuminotecnico sullo Sperone (dal Chiosco un faro proietterà luce) che andrà a valorizzarlo nella sua unicità e bellezza. Nello specifico gli interventi prevedono: opere di diserbo dei paramenti di mattoni mediante attrezzature a mano esclusi i prodotti chimici, con l'asportazione completa di arbusti ed eliminazione in profondità delle radici; disinfestazione di paramenti murari  eseguita con trattamento biologico del tipo desogen incolore diluito al 30% in acqua distillata e antiparassitari; scarnitura della connessure dei paramenti  eseguita con mezzi manuali non distruttivi, eseguita sino ad una profondità atta a garantire l'esecuzione della successiva stuccatura; idrolevaggio dei paramenti murari al fine di rimuovere i depositi di sporco ed eventuali porzioni di stuccatura incoerenti, avendo cura di controllare la pressione d’uscita dell'acqua in rapporto alla consistenza dei materiali; stuccattura delle connessure dei paramenti eseguite con malta di calce a basso contenuto di argilla tenendo conto delle caratteristiche costruttive delle malte esistenti originali. A fine lavorazione verrà eseguita la spazzolatura con spazzole di saggina; pulizia finale dei mattoni con acqua corrente e spugne per eliminare i residui di polvere e stuccatura dai mattoni; trattamento protettivo dei paramenti in laterizio effettuato mediante l'applicazione a pennello di idrorepellente a base di silicato di etile, silossani oligomeri o simili.

 Le zone che presentano fessurazioni oppure elementi debolmente ancorati o ammalorati verranno riprese con materiale simile a quello esistente (muratura), con malta di calce idraulica con basso contenuto di argilla e con mattoni vecchi fatti a mano o simili e di recupero. Le aperture con la volta troncoconica relative alle bombardiere e quelle relative alle feritoie verticali che mostrano elementi debolmente ancorati o mancanti verranno ripristinate tramite la tecnica sopra descritta del cuci e scuci. Per il restauro della Fontana una pulitura meccanica della superficie lapidea e metallica dai depositi coerenti ed incoerenti con mezzi meccanici manuali dove necessario con microsabbiatura di precisione; disinfezione da colonie di microrganismi autotrofi o/e eterotrofi mediante applicazione di biocida; rimozione dello strato isolante all’interno della vasca, non più congruo, e la messa in opera di un nuovo strato protettivo; stuccatura e l’integrazione delle fessurazioni presenti con malta idonea all’originale; pulitura acquosa e disinfezione da macrorganismi dei mattoni esterni alla vasca; stesura di protettivo finale sull’intera superficie a base di resine idrofobe.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

«Venerdì firmo la nuova ordinanza, zona rossa fino al 14 marzo»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento