Muore dopo il ricovero, aperta un'inchiesta per omicidio colposo

In queste ore la Polizia sta studiando la documentazioni inerente alle condizioni di salute della paziente e ascoltando medici e infermieri informati sui fatti. Ma a questo punto sarà fondamentale l’autopsia del medico legale

Viene ricoverata all’ospedale regionale di Torrette e il giorno dopo muore durante una trasfusione. Dopo l’esposto della famiglia di Giuseppa Pisanelli, la Procura della Repubblica di Ancona apre un’inchiesta per omicidio colposo. Gli indagati? Per ora nessun nome, il fascicolo è contro ignoti ma ci sono tutti i presupposti perché, entro breve, possano essere iscritti nel registro degli indagati uno o più camici bianchi. Intanto gli investigatori, coordinati dal pm Ruggiero Di Cuonzo, sono al lavoro per capire che cosa sia successo in quelle 24 ore intercorse tra lunedì 19, quando la donna si è presentata alla visita specialistica ambulatoriale, fino alle 13:55 del giorno dopo, quando la 60enne di Fano è morta durante la prima trasfusione di sangue. Secondo quanto raccontato dai familiari della donna, rappresentati dall’avvocato Enrico Cipriani di Pesaro, nessuno sarebbe riuscito a spiegare in modo coerente il perché di quanto accaduto. In queste ore comunque la Polizia sta studiando la documentazione inerente alle condizioni di salute della paziente, ascoltando medici e infermieri informati sui fatti. 

Una cosa è certa: la famiglia salva da ogni accusa il giovane medico gastroenterologo che per primo visitò Giuseppa Pisanelli nel suo ambulatorio. Sarebbe stato proprio lui ad accorgersi di un versamento pleurico, indicando immediate analisi al Pronto Soccorso e poi il conseguente ricovero in reparto. E' da quel momento in poi che la famiglia di Fano vuole vederci chiaro. La donna, già in precarie condizioni di salute, ha cominciato a lamentare dolori addominali che, col passare delle ore, sarebbero aumentati. La mattina dopo, quella del 20, le analisi avrebbero evidenziato un livello dei globuli rossi molto basso. I dottori hanno tentato di stabilizzare la paziente con una trasfusione. Lì sarebbe precipitata la situazione, fino alla morte. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dunque sarà necessario capire se ci sia stata una negligenza da parte dei medici o degli infermieri. E, a questo punto, sarà fondamentale l’autopsia del medico legale. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, presentata la nuova Giunta Acquaroli: ecco tutti gli assessori con deleghe

  • Tragico investimento, travolta e uccisa da un'auto sotto gli occhi della nipotina

  • Concorso pilotato per favorire la fidanzata di un medico, primario nei guai

  • Covid al liceo, studentessa positiva al tampone: classe di 29 alunni in quarantena

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Ubriaco fradicio, tampona una donna: nel sangue un tasso alcolemico spropositato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento