Cronaca

Multe ai no vax, medico dell'emergenza vince il ricorso in tribunale: non dovrà pagare

Per il giudice di pace il professionista aveva già contratto il Covid e aveva ancora gli anticorpi alti. «La vaccinazione risultava inutile, anzi pericolosa»

ANCONA – Niente multa da 100 euro ad un medico dell'emergenza, ultra 50enne, che non si era voluto vaccinare sotto la pandemia. Lo ha stabilito il tribunale dopo un ricorso che il professionista ha presentato contro Agenzia delle Entrate che gli ha presentato il conto. Il medico è solo uno dei tanti ultra 50enni che hanno deciso di intraprendere le vie legali per far valere il proprio diritto di scelta sul vaccino contro il Covid-19: quello di non immunizzarsi ritenendo che la sanzione decisa per la loro fascia di età viola il principio di uguaglianza. Le multe, previste per legge, riguardano i cittadini che hanno compiuto 50 anni alla data del 15 giugno 2022 e che non hanno né iniziato e né completato il ciclo vaccinale anti Covid-19 che prevede tre dosi per essere in regola. Nelle Marche, lo scorso anno, era stato stimato l'arrivo di almeno 10mila sanzioni e qualcuno aveva fatto ricorso all'Asur documentando la mancata vaccinazioni per problemi di salute. Altri si sono rivolti all'avvocato. Come ha fatto il medico dell'emergenza, un anconetano di 62 anni, incaricando il legale Alessandro Angeletti. Il giudice di Pace di Ancona, Lorena Volpone, ha accolto nei giorni scorsi il ricorso presentato dal dottore che si era visto arrivare una multa da 100 euro per non aver osservato la legge 76 del 2021 sull'obbligo vaccinale.

Il professionista è stato sospeso dal lavoro anche per nove mesi per non essersi vaccinato. La giudice ha rigettato le eccezioni presentate da Agenzia delle Entrate. Il medico dell'emergenza aveva ricevuto la multa ad aprile scorso e l'ha impugnata attraverso l'avvocato Angeletti. «Il mio assistito aveva gli anticorpi quando gli hanno imposto il vaccino – spiega il legale – perché aveva avuto il Covid da poco. Temeva che vaccinarsi gli facesse più male che bene». E la giudice ha ritenuto valida questa motivazione perch nella stessa spiegazione riporta: «Il signore, all'epoca della emanazione della legge 76 del 2021 aveva già contratto il Covid e quindi la vaccinazione anti Sars Cov 2 risultava inutile, anzi pericolosa, avendo già gli anticorpi». Per il medico una grande vittoria. «I presunti benefici ad una persona che ha già avuto la malattia – commenta il dottore dell'emergenza – si sarebbero potuti tramutare in eventi nefasti. Ci sono stati diversi studi sul punto, nozioni apprese anche all'università, più di 40 anni fa».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Multe ai no vax, medico dell'emergenza vince il ricorso in tribunale: non dovrà pagare
AnconaToday è in caricamento