La prostituzione è ancora più cara, multe “maggiorate” anche per i clienti

Previste sanzioni più pesanti per lucciole e clienti. Il nuovo regolamento comunale impone misure severe per chi esercita e non solo

Foto di repertorio

Sanzioni di 500 euro per chi si prostituisce in strada e per i clienti. E’ quanto prevede il nuovo regolamento di polizia urbana, che sta proseguendo il suo iter in Commissione consiliare Affari generali  prima di approdare in Consiglio comunale per l’approvazione. Il regolamento, che va a sostituire quello in vigore risalente al 1951, assolve così al suo compito di disciplinare situazioni ricorrenti. La prostituzione in aree pubbliche o aperte al pubblico è stata infatti censurata in passato con ordinanze temporanee, dato che nel regolamento precedente il fenomeno non era preso in considerazione (la ‘legge Merlin’ è del 1958). Ora il contrasto alla prostituzione è disciplinato dall’articolo 21 della bozza di regolamento. Rispetto all’ordinanza ‘anti-prostituzione’ del 2009 cambia l’importo della sanzione: si passa da 300 a 500 euro. Restano invece invariate le condotte censurate.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il comma 1 vieta nel territorio del Comune di Falconara «l’esercizio della prostituzione in luogo pubblico o aperto al pubblico», compresi «la sosta o l’appostamento, l’adescamento di clienti e l’intrattenersi con essi». E’ vietato anche «contrattare o concordare prestazioni sessuali a pagamento» in luogo pubblico o aperto al pubblico, come riportato al comma 2 dello stesso articolo 21. Il comma 3 è rivolto principalmente ai soggetti che si prostituiscono in strada, perché vieta «di tenere comportamenti che manifestino inequivocabilmente l’intenzione di adescare o esercitare l’attività di meretricio o offendere la pubblica decenza». E’ invece rivolto espressamente ai clienti il comma successivo: «E’ fatto divieto ai conducenti di veicoli di consentire l’ingresso sugli stessi di uno o più soggetti come sopra descritto».«Nonostante il fenomeno della prostituzione in strada si sia notevolmente ridimensionato, anche precedentemente all’emergenza sanitaria – dice il comandante della polizia locale di Falconara Alberto Brunetti –  e sia  confinato esclusivamente in poche zone periferiche della città, l’amministrazione comunale ha ritenuto fondamentale la previsione di questo articolo nel nuovo Regolamento di Polizia urbana anche per evitare il riemergere di questo fenomeno che incide notevolmente sul decoro urbano».
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incendio al porto di Ancona, quella nube era tossica: ora c'è un'indagine della Procura

  • «Non c'erano sostanze tossiche», ma la Mancinelli non si fida e corre ai ripari

  • Elezioni regionali, il nuovo presidente della Regione è Francesco Acquaroli - LA DIRETTA

  • Notte d'inferno al porto, la lunga lotta contro l'incendio che ha devastato l'ex Tubimar

  • La sindaca riapre le scuole, ma il Savoia-Benincasa non ci sta: «Noi restiamo chiusi»

  • Si schianta con un'auto, camper si ribalta: un ferito è gravissimo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento