Multe, oltre 300mila euro incassati ma in 2mila non pagano

Il Comune ha stilato la statistica 2018 del comando di polizia municipale: tra veicoli sequestrati ed eccessi di velocità, quasi 1000 punti via dalle patenti

Foto di repertorio

Ammonta a oltre 300mila euro l'incasso riscosso dal Comune di Osimo sulle multe per violazioni del codice della strada operate dalla polizia municipale. Ma a fronte di oltre 9500 sanzioni emesse circa 2mila non sono state pagate. Le cifre le ha rese note lo stesso Comando che, come ogni anno, ha stilato la statistica dell'attività 2018. Nell'anno si sono registrati meno incidenti (82 contro i 112 del 2017) e meno feriti sulle strade osimane (37 contro 52). Tra le violazioni che vanno per la maggiore ci sono gli eccessi di velocità: ben 1.470. Ben 994 i punti decurtati dalle patenti. Sono 552 le vetture sequestrate perché senza assicurazione o per guida in stato di ebbrezza. 

Ovviamente l'attività non si ferma al solo "staccare multe" ma spazia dalle pratiche edilizie ai controlli in materia ambientale, dall'anagrafe alle operazioni di polizia rurale, fino al commercio. Un totale di 14.600 telefonate, per parlare solo di quelle ricevute dai cittadini. "Un’importante attività svolta dagli uomini e dalle donne della Polizia Locale di Osimo, un territorio di circa 108 km quadrati e 35.000 abitanti, con 15 frazioni, le cui esigenze sono crescenti sia per le trasformazioni sociali che per l’evoluzione normativa. E per questo a nome mio e di tutta l’Amministrazione ringrazio ogni Operatore per l’attività svolta quotidianamente, con grande senso
del dovere e responsabilità".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Parrucchieri ed estetiste fuori dal tuo Comune? Arriva lo stop dalla Prefettura

  • Nuova ordinanza, ancora sacrificio per i commercianti: vietato mangiare all'aperto

  • Lutto in Comune, morta a 45 anni la dipendente Patrizia Filippetti

  • Pauroso incidente a Sappanico, dell'auto rimane solo la carcassa

  • «Democrazia sospesa dai Dpcm, ora querele contro chi li applica: polizia e sindaci»

Torna su
AnconaToday è in caricamento