Cronaca

Mette in palio un uovo di Pasqua gigante con una riffa, multato un bar

Nel periodo di Quaresima, è possibile rinvenire all'interno di esercizi commerciali uova di cioccolata di formato gigante ovvero altri premi legati all'estrazione di lotterie e riffe, gestite direttamente dagli esercenti

Credit Infophoto

Multato per aver organizzato una riffa nel proprio locale. I Baschi Verdi di Ancona sono entrati in un bar di Ancona, dove hanno rinvenuto un uovo di Pasqua gigante in bella mostra su di un cartellone suddiviso in 90 cartelle, del costo di 2 euro l’una. Il proprietario del locale, che ha messo in palio il “dolce pasquale” si è visto notificare una sanzione amministrativa. A quanto ammonta? Oscilla da 1.032 a 10.329 euro.

Nel periodo di Quaresima, è possibile rinvenire all’interno di esercizi commerciali uova di cioccolata di formato gigante ovvero altri premi legati all’estrazione di lotterie e riffe, gestite direttamente dagli esercenti. I consumatori sono così “portati” a tentare la fortuna acquistando i relativi biglietti. Peccato che questi tipi di lotterie sono per la gran parte da considerarsi “fuorilegge”, a seguito di una specifica normativa del 1997. Data in cui sono state bandite per gli esercenti privati le varie tipologie di lotterie, tombole, riffe, pesche o banchi di beneficenza e attività similari, ad eccezione di quelle organizzate dalle “onlus”. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mette in palio un uovo di Pasqua gigante con una riffa, multato un bar

AnconaToday è in caricamento