menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il Moving Lab

Il Moving Lab

Un camion in stile CSI, ecco il Moving Lab: il laboratorio itinerante della Polizia Scientifica

Il mezzo è equipaggiato con tutti i dispositivi tecnologici presenti nel laboratorio della Polizia Scientifica e sarà visitabile durante la Festa del Mare

Lo si vedrà già dalle prossime ore nelle strade di Ancona e non è solo un camion con il logo della Polizia di Stato. Si chiama Moving Lab ed è un vero e proprio laboratorio in stile CSI a disposizione della questura dorica.

Il veicolo è lungo dieci metri e mezzo e racchiude al suo interno tutte le strumentazioni presenti nel laboratorio di polizia scientifica, dai dispositivi di fotosegnalamento al necessario per l’analisi delle droghe. Grazie alla tecnolgia wifi permetterà agli agenti, un equipaggio di quattro o cinque agenti, di identificare la persona sul posto senza doverla accompagnare in questura, ma anche di scoprire documenti falsi e di prelevare campioni di DNA. In casi di omicidio potrà analizzare in loco i reperti raccolti sulla scena del crimine. “Per i testimoni sarà possibile ricostruire un identikit direttamente a bordo e questa è una operazione che fatta nell’immediato è sicuramente più efficace” ha spiegato il dirigente della Polizia Scientifica Marche e Abruzzo, Massimiliano Olivieri, che martedì mattina ha presentato il mezzo in questura insieme al suo vice Claudio Guidotti e al capo delle Volanti Cinzia Nicolini. Il Moving Lab sarà utilizzato anche per scopi comunicativi e didattici. Già il prossimo 3 settembre infatti, in occasione della Festa del Mare al porto antico, sarà possibile visitarlo a partire dalle 17.

Il Moving Lab è uno dei due esemplari messi a disposizione dal Ministero dell’Interno in tutta Italia e non sono esclusi investimenti per la costruzione di altri modelli. In settimana effettuerà anche servizi nel Pesarese, a Fermo, ad Ascoli e a Pescara. Il 4 settembre lascerà Ancona e proseguirà il suo tour in giro per l’Italia. La Direzione Centrale Anticrimine di Roma lo invierà periodicamente ad Ancona per supportare i servizi di controllo del territorio e ogni volta che la questura ne farà richiesta.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento