La piazza della movida come un Jet Set: ecco la novità dell'estate dorica

Marco Panfighi e Dario Argenziano hanno rilevato il Bartès che chiude dopo 10 anni: «Cocktail rivisitati, serate a tema e ristorazione gourmet»

Dario Argenziano, Oksana Khomyak e Marco Panfighi

Un locale “in”, ricercato ed esclusivo. Un club in stile hollywoodiano, elegante e al tempo stesso retrò. Qualcosa di assolutamente originale nel panorama della movida dorica, in grado di distinguersi per la qualità dei prodotti e del servizio. Il nome, d’altronde, tradisce pretese e aspettative: Jet Set. Così si chiama il nuovo locale che a metà giugno farà il suo esordio in piazza del Papa.

Sostituirà il Bartès che, dopo 10 anni gloriosi, ha chiuso i battenti. Oksana Khomyak e la figlia Olena ieri hanno salutato e ringraziato i clienti più affezionati con un brindisi finale dai sapori ucraini. Probabilmente è un arrivederci, non un addio. Ma intanto il Bartès cambia gestione, nome e concept. Il locale è stato rilevato da due ragazzi anconetani che promettono una ventata di novità per gli amanti del by night: saranno soci al 50% Dario Argenziano, barman di 34 anni che in piazza del Papa (e per un periodo al Bartès) lavorava già e Marco Panfighi, 31 anni, che per ora ha riposto nel cassetto la laurea in giurisprudenza per dedicarsi all’attività imprenditoriale e alla ristorazione, la sua passione. Burocrazia permettendo, l’inaugurazione di Jet Set si terrà venerdì 14 giugno. In queste due settimane il locale verrà ristrutturato e rinnovato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Arredamento e luci saranno molto originali, ci ispireremo ai locali underground newyorkesi - dice Dario -. La domanda da cui siamo partiti è: cosa vogliono gli anconetani? Perché per una serata particolare, in un locale carino, hanno la tendenza a spostarsi in un’altra città? Ancona è così bella, piazza del Papa è tornato ad essere il salotto buono. Vogliamo proporre una novità che possa distinguersi dalla massa e attirare una clientela più ricercata». E allora, al bando gli apericena low cost, i buffet, i drink stereotipati. «Non è un genere che ci piace - interviene Marco -. Noi preferiamo offrire prodotti selezionati per un target di qualità e cocktail completamente rivisitati dal mio socio Dario, che diventerà uno dei barman più apprezzati della città, ne sono convinto. Giocheremo sulle emozioni, anche con serate a tema e dj set. Ce la metteremo tutta e vedrete: sarà una piacevole novità per una piazza che rappresenta l’ultimo baluardo della movida».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma familiare, mamma e papà ricoverati: bimbo di 5 anni resta completamente solo

  • Coronavirus, facciamo chiarezza: quali sono i sintomi e come si trasmette

  • Contagi nelle Marche, trend in aumento: ad Ascoli si fanno più tamponi

  • Il Coronavirus blocca anche il paradiso: Italo, il "survivor" solitario che vive di pesca e cocco

  • Una passeggiata da 400 euro, primo pedone "fuori quartiere" multato dalla polizia

  • Il rubinetto diventa flussimetro per respiratori, l'invenzione dei cardiologi in un tutorial

Torna su
AnconaToday è in caricamento