Rogo Api 1999: rese note le motivazioni della condanna degli ex vertici

La mancata manutenzione della pompa e la tolleranza della prassi di lasciare aperte le valvole dei circuiti nei periodi di non utilizzo delle linee costò la vita a due operai

Mancata manutenzione della pompa e la tolleranza della prassi di lasciare aperte le valvole dei circuiti nei periodi di non utilizzo delle linee sono le cause dell’esplosione della pompa stessa che il 25 agosto 1999 esplose uccidendo 2 operai.

Queste le motivazioni della sentenza con la quale la corte d'Appello di Ancona ha condannato a 1 anno e 2 mesi per omicidio colposo plurimo (con pena sospesa) l'ex direttore dell'Api di Falconara, e due ex capi della manutenzione, rese note dai Comitati cittadini.

Fonte: ANSA

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il nuovo Dpcm arriva il 3 dicembre, limitazioni tra regioni e raccomandazioni per il Natale

  • Marche di nuovo in zona gialla, Acquaroli: «C'è la conferma del ministro Speranza»

  • Blitz in via 25 Aprile, Carabinieri e Polizia in massa blindano la strada: 4 arresti

  • Sette furti, poi l'inseguimento da Polverigi ad Ancona: chi sono gli arrestati di via 25 Aprile

  • Marche di nuovo in zona gialla? Acquaroli ci spera: «La curva sta scendendo»

  • Lutto in Comune, morta a 45 anni la dipendente Patrizia Filippetti

Torna su
AnconaToday è in caricamento