Lutti: addio a Fabio Amanini, pasticcere della "Gola d'Oro"

Il suo laboratorio meta di "pellegrinaggio" di giovani nottambuli (e non), riforniva bar e locali di tutta la città. Si è spento al termine di una lunga malattia contro la quale combatteva da tempo

Al termine di una lunga malattia contro la quale combatteva da tempo si è spento ad Ancona Fabio Amanini, il pasticcere della “Gola d'oro”, da sempre meta di “pellegrinaggio” di giovani nottambuli (e non) che potevano gustare a tutte le ore della notte le sue creazioni, dolci o salate, dopo una serata passata fuori, in discoteca, o anche uscendo apposta per trovarsi nel parcheggio a chiacchierare, spesso anche con lui, che aveva sempre la battuta pronta (si autodefiniva ed era affettuosamente soprannominato "Lo Zozzo").

Con lui si è spento un simbolo di Ancona. I suoi prodotti rifornivano anche bar e locali di tutta la città. Sui social network sono numerosissime le attestazioni di cordoglio e affetto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, arriva il freddo russo sulle Marche: tracollo termico e neve a basse quote

  • «Tutto esaurito, clienti felici e niente multa»: chef Luana fa il sold out e stasera si replica

  • Nuove regole e quasi tutta Italia in zona arancione: ecco la situazione nelle Marche

  • Tremendo frontale sulla provinciale, veicoli distrutti: c'è una vittima

  • «Zona arancione da domenica e per altre due settimane»: la conferma di Acquaroli

  • Tragico schianto sulla provinciale, la vittima è Francesco Contigiani: aveva 43 anni

Torna su
AnconaToday è in caricamento