Muore travolto dal treno, l'uomo lascia tre figli: «Solo dolore»

L'uomo era con la sua fidanzata. Poi la tragedia, con il pradellino del treno che lo ha travolto ed ucciso

Stefano Stronati

Si era seduto sul muretto del binario, dopo aver passeggiato con la sua fidanzata lungo la spiaggia di Palombina. Poi l'improvvisa tragedia, con il treno regionale che lo ha travolto ed ucciso. E' morto così Stefano Stronati, 48 anni di Falconara ma da anni residente a Jesi. Il macchinista avrebbe tentato invano di suonare il clacson, per due volte, senza riuscire ad evitare l'impatto con l'uomo, sbalzato poi a circa cinquanta metri. Stefano lavorava come operaio e proprio questa mattina avrebbe dovuto iniziare una nuova esperienza con una ditta di Perugia. Il 48enne, padre di tre figli, frequentava in estate il vicino stabilimento balneare Playa Solero di Palombina, dove saltuariamente aiutava i proprietari. Questa mattina sulla pagina Facebook dello stabilimento è apparsa una foto di Stefano con la scritta: «Troppo dolore».

Gli investigatori dovranno analizzare anche i filmati delle videocamere di sorveglianza della stazione per avere maggiori certezze sulla dinamica dell'accaduto. Inizialmente si era pensato ad un suicidio ma l'ipotesi incidente si fa sempre più probabile: «Non ho parole - racconta un amico di Stefano - lui amava la vita ed i suoi figli. Non è possibilie che si sia suicidato».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, arriva il freddo russo sulle Marche: tracollo termico e neve a basse quote

  • «Tutto esaurito, clienti felici e niente multa»: chef Luana fa il sold out e stasera si replica

  • Tremendo frontale sulla provinciale, veicoli distrutti: c'è una vittima

  • «Zona arancione da domenica e per altre due settimane»: la conferma di Acquaroli

  • Tragico schianto sulla provinciale, la vittima è Francesco Contigiani: aveva 43 anni

  • I rifugi di montagna più belli delle Marche

Torna su
AnconaToday è in caricamento