Maestro di judo e grande uomo di sport, Stefano è stato stroncato da un male

L'uomo era stato uno dei pochi in Italia a ricevere il riconoscimento del V Dan. Faceva parte del comitato regionale di judo ed era il presidente della Polisportiva Senigallia

Stefano Pompei (foto Facebook)

SENIGALLIA - Nonostante la malattia che da tempo lo braccava stretto era riuscito a continuare la sua più grande passione, il judo, finchè il suo cuore ha smesso di battere. Tutta la comunità è in lutto per la scomparsa di Stefano Pompei, 57enne presidente della Polisportiva Senigallia oltre che campione e maestro di judo.

Un male lo ha strappato dall'affetto di Laura, sua moglie, dei suoi figli Francesca e Giulio e dalla madre Ada. Stefano era conosciuto in tutto l'ambiente e da tutti considerato un grande uomo di sport. Era stato uno de pochi in Italia a ricevere il riconoscimento del V Dan e dal 2007 faceva parte del comitato regionale di judo. Tanti i messaggi di cordoglio che sono arrivati sulla sua bacheca Facebook, da parte dei tanti sportivi che lo avevano conosciuto e che ne avevano apprezzato animo e professionalità. I funerali si terranno oggi pomeriggio alle 15.30 nella palestra della scuola Puccini di Senigallia. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, arriva il freddo russo sulle Marche: tracollo termico e neve a basse quote

  • Nuove regole e quasi tutta Italia in zona arancione: ecco la situazione nelle Marche

  • Tremendo frontale sulla provinciale, veicoli distrutti: c'è una vittima

  • Tragico schianto sulla provinciale, la vittima è Francesco Contigiani: aveva 43 anni

  • Telefonata choc dal porto: «Aiuto, mi hanno stuprata in tre»

  • «Zona arancione da domenica e per altre due settimane»: la conferma di Acquaroli

Torna su
AnconaToday è in caricamento