Morto per un tuffo fatale, tragica vacanza a Ibiza: Luca aveva solo 20 anni

Oggi l'autopsia sul corpo del giovane calciatore osimano ritrovato dopo 20 ore di ricerche in fondo al mare delle isole Baleari, dov'era in vacanza con un amico

Luca Pezzolesi, il giovane osimano morto ad Ibiza

L’hanno ritrovato in fondo al mare, dopo oltre venti ore di ricerche. Un tragico epilogo per la vacanza con gli amici che tanto sognava. E’ morto dopo un tuffo nelle acque cristalline di Ibiza, forse per un malore, Luca Pezzolesi, giovane operaio osimano, appassionato di calcio e pesca. Non aveva ancora compiuto 21 anni. 

Era partito giovedì scorso per le vacanze con Andrea, un amico di 25 anni, che ha ricostruito con la polizia spagnola gli ultimi istanti in cui l’ha visto: era domenica pomeriggio, si trovavano in un locale in spiaggia a sorseggiare un aperitivo con due ragazze osimane, anche loro in vacanza sull’isola delle Baleari. Un drink, qualche brindisi, poi Luca ha deciso di fare il bagno. «Ho provato a convincerlo a non tuffarsi, ma non ci sono riuscito, è successo tutto così velocemente», ha riferito l’amico che, all’improvviso, non l’ha più visto. Subito ha dato l’allarme e sono partite le ricerche a Platges de Comte, località balneare nel comune di Sant Josep, con i bagnini della zona, agenti della Guardia Civil spagnola, vigili del fuoco e protezione civile, anche con l’uso di droni. Soltanto ieri, dopo circa 20 ore di ricerche, il corpo di Luca è stato ritrovato in mare, a circa 5 metri di profondità, non lontano dal punto in cui aveva deciso di tuffarsi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Oggi si svolgerà l’autopsia, per accertare le cause del decesso, presso l'ospedale di Ibiza, dove sono attesi per il riconoscimento e le operazioni di rimpatrio della salma i genitori del giovane osimano che, dopo gli studi, aveva di recente lavorato in un’azienda di Castelfidardo e coltivava la passione per il calcio, prima nel settore giovanile della Conero Dribbling, poi nella squadra di calcetto di Candia. Una vita spezzata troppo presto da un tuffo fatale. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Chiusura piazza del Papa, la Mancinelli avverte: ora palla agli anconetani

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • Incendio nella notte, paura in un palazzo del centro: 4 persone in ospedale

  • Reparti Covid sold out a Torrette, scatta il blocco delle ferie per infermieri e Oss

  • Party abusivo al porto, in consolle c'era pure il Dj: ora sono guai per il titolare

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento