Venerdì, 30 Luglio 2021
Cronaca

Morto lavoratore portuale di 28 anni, forse un’overdose fatale

Il ragazzo è stato trovato senza vita all'interno della sua abitazione di Collemarino da un familiare, attorno a mezzogiorno di venerdì. A stroncarlo, forse, una dose letale di stupefacente tagliata male

È morto all’età di 28 anni (ne avrebbe compiuti 29 tra pochi giorni) M. B., dipendente portuale dell’Icop, l’impresa che gestisce i servizi a terra all’interno dello scalo dorico. Il giovane è stato trovato senza vita all’interno della sua abitazione di Collemarino da un familiare, attorno a mezzogiorno di venerdì. A stroncarlo, forse, una dose letale di stupefacente tagliata male: secondo quanto si apprende il ragazzo aveva una siringa con l’ago infilato nel piede.

Sconcerto e dolore nella famiglia e tra i compagni di lavoro, dove il giovane era conosciuto e ben voluto. Profondo cordoglio è stato espresso anche dal presidente dell’impresa Elio Libri, che lo conosceva come un bravo ragazzo e buon lavoratore. Ora si attende l’esito dell’esame autoptico per fare piena luce sull’accaduto.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morto lavoratore portuale di 28 anni, forse un’overdose fatale

AnconaToday è in caricamento