Cronaca

Lutti, muore all'età di 58 anni: addio all'ingegnere Emanuele Faggi

Se ne va al termine di una malattia che lo affliggeva da tempo, lasciando nel dolore la moglie e un figlio di 21 anni. Ma anche i tanti colleghi che avevano lavorato con lui in tutti questi anni di lungo a onorata carriera

Emanuele Faggi

E’ morto oggi all’età di 58 anni Emanuele Faggi, ingegnere originario di Montemarciano e consigliere dell’ordine degli ingegneri di Ancona dal 2005 al 2013 ed attualmente membro del Consiglio di disciplina. Se ne va al termine di una malattia che lo affliggeva da tempo, lasciando nel dolore la moglie e un figlio di 21 anni. Ma anche i tanti colleghi che avevano lavorato con lui in tutti questi anni di lungo a onorata carriera. 

«Con lui se ne va un pezzo del nostro Ordine. Una persona perbene, di spessore, un vero e proprio esempio per tutti noi e per i tanti giovani che si affacciano a questa professione» ha detto Roberto Renzi, Presidente dell’Ordine degli Ingegneri della provincia di Ancona, che ricorda commosso la figura di Emanuele Faggi. L’uomo, che aveva scoperto quella malattia 5 anni fa, avrebbe compiuto 59 anni il prossimo 16 novembre. Emanuele faggi nasce a Montemarciano. Dopo il diploma conseguito al liceo scientifico di Jesi, nel 1983 si laurea in ingegneria elettronica all’università di Ancona. Una breve esperienza da docente di ruolo di elettrotecnica all’istituto nautico e all’Ipsia nel capoluogo marchigiano, per poi licenziarsi e dedicarsi completamente alla libera professione. Ha aperto uno studio proprio e più tardi una società di ingegneria: Engineering Service srl, puntando sull’analisi e riqualificazione energetica degli immobili e dei processi produttivi. Fine intelligenza, grande spirito di intraprendenza, ottima preparazione tecnica, spiccate qualità manageriali, ma soprattutto una grande dote: l’onestà. Così lo ricordano tutti quelli che lo hanno conosciuto. Ma Faggi è stato anche consigliere dell’Ordine degli ingegneri della provincia di Ancona dal 2005 al 2013, e attualmente era stato nominato membro del consiglio di disciplina, lo ricorda proprio per la sua passione nel fare quello che amava. Passione che lo portava a non apprezzare i giochi di potere, a restare fuori dai compromessi, ad arrancare semmai, ma sempre con la barra dritta in quello che lui considerava un valore: proprio l’onestà.

L’Ordine degli Ingegneri della provincia di Ancona intende esprimere le più sentite condoglianze alla famiglia per la perdita di uno stimato collega, che ha saputo farsi apprezzare anche come amico. «Era un amico vero – ha sottolineato Diego Franzoni, consigliere dell’Ordine,  che ha condiviso con Emanuele anche gli studi universitari e questa sua scomparsa prematura lascia un vuoto profondo tra tutti noi».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lutti, muore all'età di 58 anni: addio all'ingegnere Emanuele Faggi

AnconaToday è in caricamento