Venerdì, 25 Giugno 2021
Cronaca

Falconara, è morto il delfino spiaggiato: il cuore non ha retto

Non ce l'ha fatta il delfino trovato stamattina sulla spiaggia della Rocca di Falconara. Erano arrivati anche gli operatori del Centro Cetacei di Riccione per soccorrere la stenella di oltre 2 metri ferita alla coda

Delfino spiaggiato

E' morto il delfino trovato spiaggiato questa mattina alla Rocca di Falconara. La stenella (specie di delfino raro per il medio Adriatico) è una specie particolarmente delicata, che va facilmente sotto stress al punto da morire di crepacuore. Ed è stata proprio questa la fine dello sfortunato animale, capace di mobilitare chiunque: animalisti, residenti, volontari dell'Oipa (Protezione animali) Ancona, la Guardia Costiera, fino al Centro Cetacei di Riccione che, quando ha saputo del fatto, ha mobilitato i suoi alla volta delle Marche. Nel frattempo alcuni volontari della zona hanno fatto quel che potevano per mantenerlo in vita. (GUARDA IL VIDEO). Dopo i primi disperati tentativi di chi lo aveva avvistato da lontano, gli esperti lo hanno posto su una barella e lo hanno avvolto in teli che venivano continuamente bagnati per mantenere il delfino idratato. Impossibile rimetterlo in acqua a causa delle correnti fortissime che spingevano verso riva. Le stesse correnti che quasi certamente hanno tradito l'animale, intrappolandolo sulla terra ferma. Ma il problema non è mai stata la mancanza d'acqua, semmai il cuore, un organo molto sensibile, incapace di reggere sofferenze psicologiche di un'entità come quella patita stamattina dal "flipper" dell'Adriatico. Alle 13:30 circa, mentre i tanti volontari continuavano a lottare per lui e con lui, l'animale ha smesso di vivere

Successivamente è stato trasportato al centro zooprofilattico di Ancona per la necroscopia. Grande sconforto tra i soccorritori che, pur consapevoli di essere di fronte a una mission impossible, hanno tentato il tutto per tutto. La stenella scoperta attorno alle 8.45 dal macchinista di un treno in transito che ha dato l'allarme, era ferita ma non in modo grave. Sul posto sono intervenuti Capitaneria di Porto, servizio veterinario e il Centro cetacei di Riccione. Coda e pinna caudale sanguinavano a causa del contatto con la battigia. Le onde non hanno permesso all'animale di riprendere il largo. Mistero sul perché una specie che frequenta più gli alti fondali del basso Adriatico si sia spinta così a nord.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Falconara, è morto il delfino spiaggiato: il cuore non ha retto

AnconaToday è in caricamento