Domenica, 13 Giugno 2021
Cronaca

Morto a Falconara, sequestrati pc e cellulare: il trans è irreperibile

Intanto il giovane Sudamericano lunedì mattina non si é presentato in Questura dove si sarebbe dovuto procedere ad un'analisi della sua posizione di clandestino sul suolo italiano. Martedì l'autopsia all'ospedale di Torrette

I Carabinieri fuori dall'appartamento

Sequestrati computer e cellulare del 43enne morto in casa del transessuale brasiliano di 35 anni che, al momento, risulta anche irreperibile. Dunque gli inquirenti passano al setaccio gli effetti personali del defunto per essere certi che non sia sfuggito nulla. Controlli doverosi se non altro perché, da una prima ricostruzione dei fatti, la chiamata ai soccorsi sarebbe partita almeno due ore dopo il ritrovamento del cliente. Mancava poco alle 20:00 quando il trans avrebbe trovato il corpo in bagno, andando nel panico, per poi fuggire da casa e girovagare per Falconara. Dopo di che avrebbe chiamato l’affittuario dell’appartamento il quale avrebbe dato l’allarme. Ma ormai erano le 22:00 passate. Sicuramente si potrà fare più chiarezza dopo l’autopsia, che si terrà oggi all’ospedale di Torrette da parte del professor Adriano Tagliabracci. Solo con l’esame autoptico si potrà stabilire un orario indicativo del decesso e poi si portà anche capire se sia veramente morto per overdose da eroina o mix di droghe.

Intanto il giovane Sudamericano ieri mattina non si é presentato in Questura, dove si sarebbe dovuto procedere ad un’analisi della sua posizione di clandestino sul suolo italiano. Tanto che la notte del decesso del cliente, il trans è stato anche arrestato dai Carabinieri proprio per aver violato un decreto di espulsione risalente al 9 dicembre del 2010.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morto a Falconara, sequestrati pc e cellulare: il trans è irreperibile

AnconaToday è in caricamento