Addio ad Alberto Rogano, ingegnere illuminato: l'automobilismo cambiò con lui

Se ne va a 99 anni un grande professionista, figura di spicco dell'Aci, tra i pionieri dell'ingegneria applicata alla mobilità: fissati i funerali

L'ingegner Alberto Rogano aveva 99 anni

Era un vulcano di idee, un uomo di grande cultura, carismatico, competente: il pioniere dell’ingegneria del traffico, colui che ha contribuito alla rivoluzione della mobilità in sicurezza. Se n’è andato a 99 anni l’ingegner Alberto Rogano, originario di Civitavecchia ma anconetano d’adozione. Si è spento ieri mattina, circondato dall’affetto dei familiari: la moglie Vittoriana, sposata nel 1946, i figli Enrico e Marco, quest’ultimo direttore generale di Aci Sport e presidente dell’Automobile Club di Ancona, i nipoti Simona, Francesca, Alessandra, Alberto e la pronipote Aurora.

Sopravvissuto alla guerra sul Don contro l’Armata Rossa, intraprese la carriera al Ministero dei Trasporti: partecipò alla stesura del primo Codice della strada, fu vicedirettore delle sedi di Genova e Torino e, dal 1962, direttore della Motorizzazione Civile delle Marche. Poi decise di abbandonare l’incarico ministeriale per avviare un proprio studio al Viale della Vittoria. Il suo nome è legato indissolubilmente all’Aci: promotore della sicurezza stradale, fu per molti anni presidente di Csai, la Commissione sportiva automobilistica italiana, facendo da supervisore nelle principali competizioni internazionali, inclusa la Formula Uno, e arrivando a collaborare con Enzo Ferrari. Stella d’argento del Coni nel 1975, tra i fondatori della Federazione Nazionale Karting, fu tra i primi in Italia ad occuparsi di ingegneria applicata alla mobilità.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ad Ancona collaborò con il Comune per molti progetti, firmando, tra l’altro, lo studio di fattibilità del park Stamira e della galleria San Martino quando assessore al traffico era Michele Caporossi, d.g. degli Ospedali Riuniti. Amava condividere il suo sapere: per un periodo fu docente di Tecnica dei trasporti all’Università di Parma e collaborò anche con la Politecnica delle Marche. Ad Ancona conseguì la civica benemerenza del Ciriachino nel 2010 e durante la sua lunga presidenza diede grande impulso allo sviluppo del Circolo della Vela. I funerali dell’ingegner Rogano si terranno questa mattina alle 11,15 nella parrocchia del Sacro Cuore in via Maratta. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Denti ingialliti, come risolvere il problema rapidamente e senza igienista

  • Abusi sessuali su un'alunna, maestro allontanato dalla scuola: la verità nei suoi diari

  • Schianto con il camper, Luca non ce l'ha fatta: è morto dopo 5 giorni di agonia

  • Dagli show al semaforo, al grattino da 300mila euro: la sliding door di Tiziano

  • Elezioni regionali Marche, bordata della Mancinelli che boccia Mangialardi

  • Meteo, l'autunno irrompe sulle Marche: in arrivo temporali e crollano le temperature

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento