Martedì, 19 Ottobre 2021
Cronaca Falconara Marittima

La morte di Principi si tinge di giallo, esposto dei familiari ai carabinieri

Indaga la Procura. Il 52enne si era sentito male già nella notte ma inizialmente né 118, né il medico di famiglia lo avevano giudicato in pericolo di vita. Ora la moglie vuole chiarezza

Se Gilberto Principi fosse arrivato prima al pronto soccorso forse non sarebbe morto. Parte da questo assunto la denuncia della moglie, l'ex assessore Michela Paoletti, rispetto al decesso del 52enne falconarese, fondatore e presidente della Blu Pubblica Assistenza, avvenuto ieri al pronto soccorso dell'ospedale di Torrette. Ci sarebbero state, dunque, secondo i famigliari, gravi negligenze nella macchina dei soccorsi con sottovalutazioni da parte di chi è stato contattato dalle richieste di aiuto. Una crudele legge del contrappasso per chi per anni, come Principi, si è occupato di soccorsi e di solidarietà. I fatti sono stati ricostruiti nella denuncia che la Paoletti, assistita dall'avvocato Matteo Catalani, ha presentato nel pomeriggio di ieri (giovedì 3 maggio) alla Tenenza dei Carabinieri di Falconara. Anche la Procura di Ancona si sta muovendo. Il pm Rosario Lioniello ha già disposto l'autopsia.

Soccorsi in ritardo

Il 52enne aveva passato la serata di mercoledì 2 maggio a cena in un ristorante della zona. Tornato a casa aveva iniziato ad avvertire dolori addominali e vomito. Durante la notte si è svegliato più volte e solo il mattino successivo ha allertato il 118. Chi ha risposto, tuttavia, ha giudicato i sintomi lamentati come una banale colica e consigliato l'assunzione di medicinali contro i disturbi gastrointestinali. Niente ambulanza. Attorno alle 9 il medico di famiglia, allertato dalla moglie, ha fatto visita a Principi nella sua abitazione in via Ville ma, anche in questo caso, la cura si era limitata a qualche farmaco. I dolori erano sempre più lancinanti. A quel punto la Paoletti ha ricontattato il 118. In questo caso l'operatore si è reso conto della gravità e ha inviato sul posto automedica e ambulanza. Principi è arrivato al pronto soccorso attorno alle 10.45, privo di conoscienza e in prearresto cardiaco. Per salvarlo i medici hanno praticato un massaggio cardiaco per quasi un'ora. Non c'è stato nulla da fare. L'uomo è spirato attorno a mezzogiorno.

Verso l'indagine

Nel pomeriggio la compagna di Principi si è presentata alla Tenenza dei Carabinieri di Falconara e ha presentato denuncia. Contro ignoti e senza formulare ipotesi di reato. L'esposto ripercorre tutte le tappe dal dramma e chiede di poter partecipare, attraverso un medico di fiducia, all'autopsia fissata per domani (sabato 5 maggio) alle 10. Già la stessa azienda ospedaliera ne ha disposto una interno. La Procura di Ancona – il fascicolo è già sul tavolo del pm Rosario Lioniello – vuole, partendo dalle cause della morte, capire se si poteva evitare questo tragico esito. Una volta eseguita l'autopsia sarà riconsegnata ai famigliari che potranno fissare il funerale.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La morte di Principi si tinge di giallo, esposto dei familiari ai carabinieri

AnconaToday è in caricamento