Mercoledì, 16 Giugno 2021
Cronaca

L’esame medico: Serena è morta per soffocamento in seguito a emorragia

La piccola Serena è morta soffocata dal sangue fuoriuscito a causa di un'emorragia alla gola. Alla base del fenomeno forse la mancata cicatrizzazione dei tagli dovuti all'asportazione delle tonsille

La piccola Serena, la bimba deceduta al Salesi in seguito ad un intervento di adenotonsillectomia, è morta soffocata dal sangue fuoriuscito a causa di un’emorragia alla gola: questo il risultato dell’esame eseguito ieri dal medico legale, il professor Adriano Tagliabracci. Alla base del fenomeno potrebbe esserci la mancata cicatrizzazione dei tagli dovuti all’asportazione delle tonsille, che in questi di casi di solito vengono cauterizzati per mezzo del bisturi elettrico: una complicazione molto rara (per la letteratura medica un caso su 40mila) ma tragicamente possibile. Ancora da stabilire se la mancata cicatrizzazione sia dipesa da un errore umano o da fattori al di fuori del controllo dei medici.
Alla prova sono stati presenti anche i consulenti nominati dalla famiglia della bimba, il direttore del reparto di otorinolaringoiatria del Policlinico di Modena professor Livio Presutti e la dottoressa Paola Tarsinato di Padova.

LE INDAGINI. La Procura di Ancona nominerà alcuni esperti per eseguire ulteriori accertamenti, per il momento non risultano iscrizioni al registro degli indagati: in una vicenda così delicata l’autorità giudiziaria è decisa a muoversi con ogni cautela possibile. Anche gli Ospedali riuniti di Ancona hanno aperto un’indagine interna: il direttore generale Paolo Galassi ha nominato una commissione di inchiesta composta dal professor Raffaele Giorgetti (Medicina legale), dal dottor Andrea Soccetti (Risk management) e dal professor Paolo Balercia (primario di chirurgia maxillo-facciale). I tempi stimati di indagine, secondo l’azienda ospedaliera, sono di 15 giorni.

LA VICENDA. La piccola Serena viene ricoverata il 9 febbraio al Salesi per un intervento di asportazione delle tonsille. I genitori vengono avvisati nella stessa giornata che la bimba ha avuto un sanguinamento eccessivo, e una crisi respiratoria rende necessario un secondo intervento, eseguito alle 17 e 30. La sera la bambina viene ricoverata in rianimazione. Il 14 febbraio Serena esce dalla terapia intensiva e il 16 lascia il Salesi: alle 6 del mattino del 18 febbraio un’altra crisi respiratoria fa scattare l’allarme. Un’ambulanza porta immediatamente la piccola in ospedale, ma purtroppo non c’è più nulla da fare.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L’esame medico: Serena è morta per soffocamento in seguito a emorragia

AnconaToday è in caricamento