menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Abbandonato alla nascita perchè disabile, Luca è morto a 13 anni

Luca, nato cieco e tetraplegico, era stato adottato da una famiglia di Montemarciano. La camera ardente è stata allestita in via Alberici mentre lunedì verranno celebrati i funerali

Luca era nato cieco e tetraplegico e per questo era stato abbandonato dalla sua madre biologica. Per fortuna però a donargli tutto l'amore del mondo era stata una coppia di Montemarciano, che ora piange la sua scomparsa. Una storia nata 13 anni fa, quando a Forlì una ragazza minorenne diede alla luce un bambino con gravi disabilità. A decidere le sorti del piccolo fu la nonna materna, che decise di darlo in adozione. Troppe le responsabilità e l'impegno economico per crescere e mantenere un bambino cieco e tetraplegico, soprattutto vista la giovane età della nipote. A quel punto però arrivarono due angeli, Luca e Monica, una coppia di Montemarciano, che decisero di adottarlo e renderlo a tutti gli effetti il loro bambino. I due, che gestiscono la casa famiglia "L'annunciazione" di via Alberici, lo chiamarono Luca Emanuele per non confonderlo con il nome del padre. Tredici anni di amore, incondizionato, reso pubblico solo dai manifesti funebri affissi per le vie di Montemarciano. La coppia era riuscita a tenere Luca lontano dai riflettori, con la sua storia protetta dal loro affetto.

La camera ardente è stata allestita da sabato in via Alberici, dove Luca viveva insieme ai suoi genitori. I funerali verranno celebrato oggi pomeriggio (lunedì) alle ore 15.00 presso la chiesa San Pietro Apostolo di Montemarciano.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento