Domenica, 14 Luglio 2024
Cronaca

Marito e moglie morti nel lago, parlano i testimoni che si sono tuffati in acqua per salvarli

La tragedia si è consumata ieri a Montefano, in provincia di Macerata. Vani i soccorsi, alcuni testimoni si sono tuffati in acqua per tentare di aprire le portiere

L'ipotesi è quella di un gesto volontario. La tragedia si è consumata ieri a Montefano, in provincia di Macerata. Domenica mattina un'utilitaria nera è caduta nel laghetto del Cirdolo, usato per la pesca sportiva, inabissandosi senza lasciare scampo ai due passeggeri, Giuseppe Paolorossi, 92 anni, e Rita Caporaletti, 84. Alcuni pescatori che hanno assistito alla scena si sono tuffati in acqua tentato di raggiungere il mezzo, ma hanno dovuto desistere. Impossibile salvare le due persone all'interno dell'abitacolo, non hanno avuto alcuno scampo. I testimoni hanno raccontato che la Fiat Punto, guidata dal marito, ha percorso la strada biana che costeggia il laghetto. Improvvisamente ha deviato la direzione ed è finita in acqua. La moglie ha iniziato a chiedere aiuto ma ogni soccorso è stato vano. I corpi sono stati recuperati nel pomeriggio dai sommozzatori dei vigili del fuoco. I due non erano frequentatori abituali del laghetto sportivo. 

Il pomeriggio precedente l'uomo avrebbe manifestato intenti suicidi e in passato aveva detto al figlio che prima o poi si sarebbe buttato nel lago insieme alla moglie, che da tempo soffriva di gravi problemi di salute. Proprio il figlio, quando ieri è stato informato dalla badante dell'irrituale giro in auto di padre e madre, non riuscendo a contattarli telefonicamente, si è preoccupato. Quando è arrivato al circolo, i soccorsi erano già in atto. Grande cordoglio a Filottrano, dove la notizia si è rapidamente diffusa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marito e moglie morti nel lago, parlano i testimoni che si sono tuffati in acqua per salvarli
AnconaToday è in caricamento