Moie: maltratta e minaccia di morte madre e fratello, arrestato

Minaccia di morte il proprio fratello urlando al suo indirizzo frasi come "ti ammazzo" e puntandogli in faccia un coltello con lama d'acciaio di 25 cm di lunghezza. Era stato denunciato anche dalla madre

I carabinieri della stazione di Moie di Maiolati Spontini hanno arrestato in flagranza di reato per maltrattamenti in famiglia K.D.T., cittadino polacco di 27 anni, residente in città e già noto alle forze dell’ordine. Il giovane aveva minacciato di morte il proprio fratello, K.P.L., con il quale convive assieme alla madre, urlando al suo indirizzo frasi come “ti ammazzo” e puntandogli in faccia un coltello con lama d’acciaio di 25 cm di lunghezza.

Sempre nel corso della giornata di ieri il 27enne polacco era stato denunciato anche da sua madre, K.B.M., anche lei vittima di minacce e maltrattamenti che si sono verificati ai suoi danni e a quelli dell’altro figlio negli ultimi tre mesi.
Ma non è tutto: a seguito di indagini condotte contestualmente dai militari il giovane è stato denunciato anche per il reato di violenza sessuale. Sarebbe infatti stato sempre lui, l’8 febbraio scorso, in due diverse occasioni, a breve distanza di tempo l’una dall’altra (prima nei pressi di una fermata autobus sita in via Risorgimento di Moie e poi nei pressi di un bar), ad avvicinare M.G., classe 1997, e D.L., cittadina di origine rumena, classe 1953, proferendo al loro indirizzo  frasi oscene e poi, afferrandole per una spalla, le avrebbe invitate a seguirlo presso la sua abitazione  per consumare dei rapporti sessuali.  

Ora si trova al carcere di Montacuto in attesa dell’interrogatorio del G.I.P.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Macabra scoperta al cimitero, neonato mummificato trovato sopra una bara

  • Si fingono clienti, ma sono poliziotti: la squillo prende il cellulare e lo ingoia

  • Ucciso da un'auto davanti all'ospedale, Giuseppe era andato a trovare la moglie

  • Malore durante una partita di tennis, rianimato sul posto: è gravissimo

  • Tragedia al cantiere, muore un operaio

  • Imprenditoria in lutto, un malore in bici gli è stato fatale: addio a Sandro Paradisi

Torna su
AnconaToday è in caricamento