Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca

Via Giordano Bruno: minaccia di darsi fuoco al centro salute mentale, bloccato

E' successo tutto nelle prime ore del mattino. Un anconetano di 39 anni, già noto alle forze dell'ordine e agli operatori del centro igiene mentale, si è presentato in ufficio e ha minacciato di darsi fuoco

Si è presentato in mattinata al centro di igiene mentale di via Giordano Bruno. Protagonista un anconetano di 39 anni che in passato ha già avuto problemi psichiatrici. L’uomo è arrivato dentro un ufficio della sede e, con in mano una bottiglietta di acetone, ha detto:  “Adesso mi do fuoco”.  Subito sono scattate le richieste di intervento alle volanti, dirette dal vice questore aggiunto Cinzia Nicolini che, insieme all’ispettore capo Franco Pechini, si sono precipitati sul posto.

Gli operatori del centro di igiene mentale erano già riusciti a calmare l’uomo che, inizialmente, era molto agitato. Gli agenti delle volanti lo hanno trovato su una scrivania intento a scrivere delle note insieme ad un assistente sociale che, in qualche modo, aveva trovato un sistema per tenerlo calmo. I poliziotti sono così intervenuti per sottrargli la lattina con il liquido infiammabile che teneva ancora tra le mani. Poco dopo la situazione è tornata alla calma e l’uomo, già noto alle forze dell’ordine, è stato accompagnato all’ospedale di Torrette.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via Giordano Bruno: minaccia di darsi fuoco al centro salute mentale, bloccato

AnconaToday è in caricamento