Porto: migranti nascosti in due Tir dalla Grecia, arrestati gli autisti

Quando sono stati scoperti dalla polizia di frontiere hanno provato a scappare, alcuni si sono buttati in mare. Sei di loro sono stati ricoverati in ospedale per accertamenti

Nella serata di ieri, attorno alle 21, circa 98 - questo il dato più aggiornato - migranti giunti al Porto di Ancona nascosti a bordo due TIR, quasi tutti siriani, durante le operazioni di sbarco di una motonave giunta dalla Grecia hanno tentato di eludere i controlli alla dogana. Quando sono stati scoperti dalla polizia di frontiere hanno provato a scappare, alcuni si sono buttati in mare. Sei di loro sono stati ricoverati in ospedale per accertamenti e la quasi totalità di loro, informa Francesco Rubini, consigliere comunale SEL - Ancona Bene Comune, fra i primi a diffondere la notizia, “sono stati respinti in Grecia da dove sono arrivati. Solo due sembrano essere riusciti a chiedere asilo politico.” Le motovedette della capitaneria di porto hanno perlustrato l'area dello scalo per verificare che nessun altro profugo si fosse gettato in mare. Gli autisti sono stati arrestati.

"Ancora una volta , scrive Rubini, "il porto di Ancona con le sue reti diventa un fortino da cui respingere donne e uomini in fuga da fame e guerre. Una storia che si ripete da anni malgrado le ripetute denunce di associazioni e movimenti per i diritti dei migranti. Il mix legislativo italiano ed europeo in tema di immigrazione è repressivo, disumano e inefficace. Ciò che puntualmente avviene tanto nelle coste di Lampedusa quanto nel porto di Ancona ne sono la prova tangibile."
"Occorre", conclude ,"ripensare il sistema d'accoglienza uscendo dalla logica securitaria di questi anni. Le lacrime di coccodrillo e la parole di circostanza di fronte a tali tragedie umane sono state fin troppe."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, arriva un assaggio d'inverno: maltempo, freddo e anche la neve

  • Scarpe Lidl, mania anche ad Ancona: scaffali svuotati in mezz'ora, maxi rivendite

  • Zona arancione, per Acquaroli non basta: «Presto ordinanza anti-assembramento»

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Parrucchieri ed estetiste fuori dal tuo Comune? Arriva lo stop dalla Prefettura

  • Nuova ordinanza, ancora sacrificio per i commercianti: vietato mangiare all'aperto

Torna su
AnconaToday è in caricamento