menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il prefetto Antonio D'Acunto e il Sindaco Valeria Mancinelli firmano il Protocollo

Il prefetto Antonio D'Acunto e il Sindaco Valeria Mancinelli firmano il Protocollo

Dall’Africa e dall’Arabia per pulire Ancona, 19 richiedenti asilo pronti al volontariato

Il Protocollo firmato da Prefettura e Comune darà la possibilità di svolgere il volontariato civico anche agli ospiti dei centri d’accoglienza straordinaria

Sono 19 e vengono dal Pakistan, dall’Arabia Saudita e da alcuni Stati dell’Africa. Da martedì 8 agosto si prenderanno cura della pulizia di Ancona e del verde pubblico, a cominciare da Corso Garibaldi, Piano e piazza Cavour. Non si tratta solo di richiedenti asilo della rete Sprar, il progetto di accoglienza gestito dal Comune. Per la prima volta infatti, a curare il decoro di Ancona saranno anche quelli che si trovano nei centri di accoglienza in carico alla prefettura. E’ questa la principale novità del Protocollo d’Intesa firmato giovedì 3 agosto dal prefetto di Ancona Antonio D’Acunto e dal sindaco Valeria Mancinelli.

Il progetto, che ha una validità annuale rinnovabile, prevede l’impiego di volontari immigrati in opere al servizio della città che li ospita. L’impegno è su base volontaria e gratuita perché, secondo normativa, finché gli immigrati non avranno uno status giuridico accertato e riconosciuto non potranno svolgere un’attività lavorativa retribuita. «Il pubblico decoro è una delle attività più richieste» ha osservato il sindaco Mancinelli. «Questo progetto ha la valenza di impiegare i migranti in attività sociali che consentono loro di lavorare, migliorare l' integrazione e crea un beneficio alla città» ha detto il prefetto D’Acunto. «Queste attività non sostituiranno quelle istituzionali, ma le supporteranno» ha osservato l’assessore comunale ai Servizi Sociali, Emma Capogrossi.

 CHI SONO I VOLONTARI E COSA FARANNO

I volontari sono 19 di cui 6 provenienti dal Gambia, 4 dal Pakistan, 3 dal Senegal e 2 dal Mali. Ci sono poi un ivoriano, un ghanese, un arabo saudita e un guineano. Alle 8,30 di martedì cominceranno da Piazza Cavour per poi spostarsi lungo Corso Garibaldi e Corso Carlo Alberto. In gruppi divisi in turni raccoglieranno cartacce, cicche di sigaretta e cureranno il verde seguiti da tutor. Hanno seguito corsi di formazione e di sicurezza e alcuni di loro hanno già presentato domande anche per altre posizioni come i servizi sociali o la cultura. Il gruppo entra dunque a far parte delle 163 persone, tra cui stessi cittadini anconetani, che dal novembre 2016 hanno aderito al volontariato civico. Tra questi ci sono anche alcuni medici e infermieri che hanno deciso di prestare servizio al centro di Pronta Accoglienza “Un Tetto per Tutti"
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento