Mezzi rubati nelle Marche, trovato ad Aprilia un "centro di raccolta"

Le indagini sono nate dopo un furto avvenuto lo scorso giugno, nella ditta di calcestruzzi "Colabeton" di Monsano. Ad essere rubati erano stati automezzi pesanti, oltre a migliaia di litri di gasolio

Targhe e libretti di circolazione nascosti in un capannone abbandonato, usato come luogo di smistamento dei veicoli rubati nelle Marche. E' questo quanto scoperto dagli agenti di Polizia di Jesi. I mezzi venivano poi rivenduti ed esportati nel Nord Africa. Le indagini sono nate dopo un furto avvenuto lo scorso giugno, nella ditta di calcestruzzi "Colabeton" di Monsano. Ad essere rubati erano stati automezzi pesanti, oltre a migliaia di litri di gasolio presenti nelle cisterne all'interno dell'azienda. Poi ad Aprilia la scoperta del capannone, dove all'interno gli investigatori hanno trovato due automezzi rubati lo scorso agosto a Serra San Quirico. I veicoli erano stati manomessi con numeri distintivi di telaio alterati e targhe replicatrici. Un vero e proprio centro di smistamento di mezzi rubati in tutta la nostra Regione. A finire in manette sono stati P.E., 53enne di Benevento e V.M., 39enne di Latina, pluripregiudicati per reati contro il patrimonio, mentre altri due cittadini italiani, residenti a Latina, di 50 e 41 anni sono stati denunciati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, arriva il freddo russo sulle Marche: tracollo termico e neve a basse quote

  • «Tutto esaurito, clienti felici e niente multa»: chef Luana fa il sold out e stasera si replica

  • Nuove regole e quasi tutta Italia in zona arancione: ecco la situazione nelle Marche

  • Tremendo frontale sulla provinciale, veicoli distrutti: c'è una vittima

  • «Zona arancione da domenica e per altre due settimane»: la conferma di Acquaroli

  • Tragico schianto sulla provinciale, la vittima è Francesco Contigiani: aveva 43 anni

Torna su
AnconaToday è in caricamento