Cronaca

«Dopo un anno bagni già da rifare». La denuncia del comitato Mezzavalle Libera

La protesta dei frequentatori della spiaggia: «Sono costati 65mila euro, ma fosse biologiche e scarichi vanno rimessi a nuovo»

Dopo un anno i bagni pubblici di Mezzavalle sono da rifare. A denunciarlo, il Comitato Mezzavalle Libera. «Lo scorso weekend è cominciata ufficialmente la stagione balneare, ma ad attendere i frequentatori della spiaggia di Mezzavalle, una delle più belle e frequentate della splendida riviera del Conero, c’è una brutta sorpresa che sa tanto di beffa del Comune di Ancona - scrive il Comitato in una nota -. A distanza di meno di un anno dalla consegna dei nuovi bagni pubblici, costati all’amministrazione di Ancona circa 65.000 euro, il lavoro è quasi interamente da rifare ed i soldi della collettività buttati via. Troppo impegnata in grandi operazioni di immagine, il “sindaco donna migliore del mondo”, non si accorge di quanto vengano mal spesi i soldi e mal eseguiti i lavori pubblici commissionati e diretti dalla sua Amministrazione? Il Comitato Mezzavalle Libera da due mesi invano chiede di essere ricevuto dall’Amministrazione in merito alle diverse problematiche rimaste irrisolte l’anno scorso ed ora ritrova anche la sorpresa di vedere le fosse biologiche e gli scarichi da rifare ex novo, questa volta ci auguriamo celermente e con maggiore attenzione. E’ per la vergogna della sua imperdonabile incuria che l’Amministrazione non vuol riceverci o perché non è in grado di dirci se i cittadini dovranno tornare a farla tra i cespugli per tutta la stagione balneare appena cominciata? Ve le immaginate centinaia di persone in una spiaggia senza servizi igienici? Aldilà della sospensione del servizio di igiene pubblica e del danno erariale, quando consegnerete dei servizi igienici funzionanti ai cittadini e ai moltissimi turisti che annualmente frequentano la spiaggia di Mezzavalle? Vogliamo una data e delle spiegazioni, ci sembra il minimo».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Dopo un anno bagni già da rifare». La denuncia del comitato Mezzavalle Libera

AnconaToday è in caricamento