Lunedì, 14 Giugno 2021
Cronaca

Meteo: la "finta primavera" che inganna le piante (e le espone al rischio gelate)

A febbraio si è registrata nelle Marche una temperatura minima di 5,3 gradi, ben 4,6 in più rispetto alla media storica, che sta mandando letteralmente in tilt le colture, a partire dagli alberi da frutto

A febbraio si è registrata nelle Marche una temperatura minima di 5,3 gradi, ben 4,6 in più rispetto alla media storica, che sta mandando letteralmente in tilt le colture, a partire dagli alberi da frutto.
A lanciare l’allarme è la Coldiretti regionale sulla base delle rilevazioni dell’Osservatorio del Ministero delle Politiche agricole relative alla prima decade del mese. Rispetto a una temperatura media storica di 0,7 gradi, la colonnina di mercurio ha fatto segnare ben 5,3 gradi.

Il rischio è che la “finta primavera” inganni le coltivazioni favorendo un “risveglio” che le rende particolarmente vulnerabili all’eventuale prossimo arrivo del gelo con danni incalcolabili, a partire dagli alberi da frutto.
I picchi giornalieri delle temperature fanno partire il processo di fioritura che un inverno troppo mite non è stato capace sinora di ritardare, tanto che albicocchi e alcune varietà di peschi sono già piuttosto avanti rispetto al normale, così come, in parte, i ciliegi.

Se, continua Coldiretti, le temperature si dovessero mantenere costanti fino a primavera non ci saranno problemi, ma un brusco abbassamento della colonnina di mercurio porterebbe delle gelate che comprometterebbero le produzioni.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Meteo: la "finta primavera" che inganna le piante (e le espone al rischio gelate)

AnconaToday è in caricamento